Sport

Nba: Warriors implacabili, che rissa in Raptors-Bulls!

a cura di Datasport

2' di lettura

Nella notte Nba i Golden State Warriors regolano con un sonoro 112-87 i Dallas Mavericks in un match contraddistinto anche dalla sfida a distanza tra i fratelli Curry con Steph che sigla 17 punti contro i 10 di Seth. I Raptors sconfiggono 122-120 i Bulls all'overtime al termine una super rimonta grazie ai 42 punti messi a referto da DeMar DeRozan: durante il terzo quarto scoppia una maxi-rissa tra Serge Ibaka e Robin Lopez.

Golden State conquista all'American Airlines Center di Dallas la 28esima vittoria esterna della stagione e diventa la prima franchigia della storia Nba a raggiungere questo traguardo per tre annate consecutive. Klay Thompson sigla 23 punti a cui si aggiungono i 18 di Ian Clark e i 17 di Steph Curry per i Warriors che giocano anche una grande gara difensiva concedendo solo 28 punti sotto canestro ai Mavs. 

La sfida più elettrizzante della notte è andata senza dubbio in scena all'Air Canada Centre. L'episodio chiave avviene a inizio terzo quarto: Serge Ibaka cattura un rimbalzo allontanando Robin Lopez. Il lungo di Chicago perde il controllo e prova a strappare dalle mani dell'avversario il pallone. Da questo punto in poi scatta una vera e propria rissa, sedata a fatica dagli arbitri, costretti ad espellere entrambi i giocatori. I Bulls dominano in lungo e in largo l'incontro accumulando anche un vantaggio di 15 punti nel corso dell'ultimo quarto. Poi però i Raptors si svegliano e siglano un parziale di 15-0 che porta la sfida all'overtime. E' solo il preludio al successo finale in rimonta completato nel supplementare. DeMar DeRozan, con 42 punti, vince la sfida personale con Jimmy Butler (37 con 10 rimbalzi). Toronto spezza così una maledizione: da 11 partite di fila (l'ultima volta il 31 dicembre 2013) non riusciva ad avere la meglio su Chicago.

Gli Spurs battono 100-93 i Timberwolves in trasferta con Kawhi Leonard che mette a referto 20 dei suoi 22 punti nel secondo tempo con il canestro del definitivo vantaggio a 54 secondi dalla sirena. Decisamente positiva anche la prestazione di LaMarcus Aldridge, che chiude a quota 26. DeMarcus Cousins trascina i Pelicans al successo per 95-82 sui Grizzlies siglando 41 punti e 17 rimbalzi mentre Anthony Davis si ferma a quota 19+13. I Clippers vincono 133-109 il derby con i Lakers portando otto giocatori in doppia cifra (Chris Paul il migliore con 27 punti). Il primo buzzer beater in carriera di Brook Lopez, infine, permette ai Nets di imporsi 98-96 sui Pistons.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti