assocalzaturifici

Negozi chiusi, BDroppy è la nuova piattaforma b2b per le calzature italiane

Accordo Assocalzaturifici e Brandsdistribution per il lancio di BDroppy: i brand italiani possono raggiungere rivenditori di tutto il mondo senza spese di pubblicità e marketing

di Redazione Moda

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

Accordo Assocalzaturifici e Brandsdistribution per il lancio di BDroppy: i brand italiani possono raggiungere rivenditori di tutto il mondo senza spese di pubblicità e marketing


2' di lettura

I marchi italiani delle calzature approdano su una piattaforma multicanale che li traghetta online in tutto il mondo dopo l'accordo tra Assocalzaturifici e Brandsdistribution per il lancio di BDroppy, grazie alla quale potranno raggiungere migliaia di dropshipper per vendere i propri prodotti a milioni di consumatori. In oltre 50 paesi, dall'America all'Inghilterra, dalla Germania alla Spagna.

Obiettivo della nuova piattaforma è mettere a disposizione di marchi e rivenditori il know how di Brandsdistribution, azienda di intermediazione che ha alle spalle 12 anni di esperienza, 450mila rivenditori iscritti nel mondo e oltre 100 milioni di euro di vendite realizzate.

«In questo momento segnato dall'emergenza epidemiologica Covid-19 -spiega Siro Badon, presidente Assocalzaturifici - che ha portato alla chiusura temporanea dei negozi di calzature e abbigliamento, la collaborazione con Brandsdistribution per portare sulla piattaforma digitale b2b BDroppy i marchi calzaturieri italiani può rappresentare una concreta opportunità per le molte nostre imprese che vantano prodotto di eccellenza ma che non hanno le risorse per emergere autonomamente nell'universo online. I nostri marchi potranno vendere direttamente i prodotti ottimizzando al massimo gli investimenti pubblicitari e di marketing, sfruttando il volano di una piattaforma consolidata come Brandsdistribution in cui operano 450mila operatori, tra retailer e digital vendor».

L'accordo rappresenta una sfida sul terreno tecnologico per molte Pmi e per il retail che non può più limitarsi alla sola esperienza fisica. E rappresenta un volano per ridurre gli stock accumulati in questo periodo.

«Quando abbiamo lanciato BDroppy – dichiara Carlo Tafuri, Coo di Brandsdistribution - l'intento era quello di offrire a marchi e rivenditori un aiuto concreto per ampliare i propri confini, approdando su una piattaforma worldwide. Chi sceglie BDroppy può iniziare a vendere on line in tutto il mondo molto velocemente, senza investimenti di marketing, potendo contare sul database, sull'esperienza e sul lavoro quotidiano della nostra azienda».

L'iter prevede che gli operatori possano iscriversi per chiedere di entrare a far parte di BDroppy: «Vengono valutati dai nostri esperti – prosegue Tafuri –sia i prodotti sia la capacità logistico-organizzativa dei marchi e a quel punto le referenze entrano nel nostro catalogo, che conta già centinaia di migliaia di prodotti. Tramite la piattaforma basta un click per raggiungere migliaia di dropshipper in tutto il mondo, e al tempo stesso, anche attraverso i marketplace, un pubblico vasto ed eterogeneo ».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti