shopping

Negozi, saldi estivi partiti in anticipo senza aspettare il 6 luglio

Per far fronte all'elevato calo delle vendite in tutta Italia sono di fatto già partiti gli sconti estivi

di E.B.


default onloading pic

2' di lettura

Per far fronte all'elevato calo delle vendite in tutta Italia sono di fatto già partiti i saldi estivi, con numerosi negozi e catene commerciali che hanno anticipato gli sconti attraverso promozioni speciali e svendite, allo scopo di attirare clientela e recuperare gli affari persi a causa del maltempo. Lo segnala il Codacons spiegando che dopo il maggio nero del commercio dovuto al maltempo, i commercianti abbiano iniziato con largo anticipo ad applicare gli sconti di fine stagione in tutta Italia.

Perché gli sconti sono già presenti nei negozi
«Il maltempo che tra aprile e maggio ha imperversato in diverse zone del paese ha avuto effetti diretti sulle abitudini di acquisto dei consumatori - spiega il presidente Carlo Rienzi - La stagione estiva, infatti, è partita con evidente ritardo a causa del meteo, spingendo le famiglie a rimandare gli acquisti di nuovi capi di vestiario e calzature adatte ai mesi più caldi. Ciò ha comportato una contrazione delle vendite e una riduzione del giro d'affari per i negozianti attorno al -30% rispetto alla media nazionale del periodo, con punte più elevate nel nord Italia dove le condizioni meteo anche nei giorni scorsi rimanevano proibitive».

Le regole
Approfittare dei saldi significa acquistare prodotti di qualità a prezzi scontati che possono variare dal 5% al 70% del costo iniziale. A essere scontati possono essere soltanto i prodotti di carattere stagionale e quelli che possono subire un notevole ribassamento del prezzo se venduti durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo, poiché molto legati alla moda.

Le norme, inoltre, prevedono degli obblighi precisi per i commercianti: per iniziare, deve essere sempre indicato, accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto, ma è facoltativa l'indicazione del nuovo prezzo di vendita ottenuto con lo sconto. Inoltre, le merci con il prezzo ribassato devono essere esposte in reparti o zone diverse rispetto a quelle non in saldo, per evitare che i clienti possano confonderli con la merce a prezzo pieno.

Le date di fine saldi
Abruzzo: 29 agosto
Basilicata: 2 settembre
Calabria: 1° settembre
Campania: 30 agosto
Emilia Romagna: 30 agosto
Friuli-Venezia Giulia: 30 settembre
Lazio: 15 agosto
Liguria: 14 agosto
Lombardia: 30 agosto
Marche: 1° settembre
Molise: 30 agosto
Piemonte: 26 agosto
Puglia: 15 settembre
Sardegna: 30 agosto
Sicilia: 15 settembre
Toscana: 30 agosto
Umbria: 30 agosto
Valle d'Aosta: 20 agosto
Veneto: 31 agosto
provincia autonoma di Bolzano: 17 agosto

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...