INCENTIVI AZIENDALI

Nell’anno del Covid il premio Unifarco sale a 2.200 euro

Il riconoscimento è stato legato a tre parametri e cioè l’utile aziendale in crescita che da solo ha inciso per 1.500 euro, la valutazione della performance e la presenza

di Cristina Casadei

2' di lettura

«Il 2020 ha richiesto alle persone e alle organizzazioni una grande prova di coesione», racconta Luigi Rampino, hr director di Unifarco. La società, nata nel 1982 ai piedi del Parco delle Dolomiti bellunesi (a Santa Giustina), è formata da farmacisti e propone prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up efficaci. Oggi fattura 116 milioni di euro e ha 430 dipendenti e 140 collaboratori sul territorio (formatori, informatori, agenti, beauty consultant). Questa prova di adesione ha consentito di superare un anno davvero complicato, con un utile superiore agli anni precedenti. Proprio per questo l’azienda ha deciso di dare un riconoscimento tangibile ai propri dipendenti, con il premio di partecipazione più alto della sua storia. Quest’anno il bonus arriverà infatti a 2.200 euro e secondo quanto sostengono in Unifarco sarebbe di un terzo superiore rispetto alla media del settore chimico farmaceutico. L’aumento ha fatto sì che si sia passati da poco più di 1.500 euro nel 2018 a circa 1.800 euro nel 2019 per poi arrivare a 2.200 nel 2020.

A determinare questa cifra sono tre parametri: l’utile aziendale, la valutazione della performance e la presenza. Il primo quest’anno ha inciso per 1.500 euro. Il resto è connesso ai comportamenti virtuosi dei lavoratori e tiene conto dell’efficacia tecnico professionale, dell’efficienza, delle relazioni con superiori e colleghi, della propositività e risoluzione di problemi, dell’assunzione di responsabilità verso l’organizzazione. Rampino spiega che nell’organizzazione della società « è fondamentale che tutte le nostre persone concorrano attivamente, a seconda delle proprie mansioni, alla crescita e al successo dell’azienda. Il coinvolgimento e la partecipazione sono ormai considerati fattori critici di successo, da costruire anche attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali. Non a caso nel nostro settore, tra i più avanzati in ambito industriale, parliamo di premio di partecipazione». Il premio si aggiunge a una serie di strumenti di welfare previsti dall’azienda nell’ultimo anno che vanno dal contributo per l’acquisto di un personal computer per consentire di seguire l’attività scolastica a distanza, all’organizzazione di un centro estivo dedicato ai figli dei dipendenti ma anche la regolamentazione dello smart working per i dipendenti tramite accordo aziendale.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti