Il trend

Vaccini, al via oggi le terze dosi. Come vanno i contagi tra i sanitari

Riceveranno la dose di richiamo anziani di età superiore agli 80 anni, ospiti delle Rsa e medici, infermieri e personale sanitario over 60 o con patologie

Aggiornato il 28 settembre 2021 alle ore 07:57

Verso nuove capienze per spettacoli e sport. Terze dosi per i medici senza rinvii

2' di lettura

Parte oggi, martedì 28 settembre, il terzo ciclo della campagna vaccinale di massa in Italia: da questa mattina, come chiarito da una circolare del ministero della Salute, riceveranno la terza dose anti-Covid anziani di età superiore agli 80 anni, ospiti delle Rsa e medici, infermieri e personale sanitario over 60 o con patologie.

Aumento nell’estate ma ora più lenta discesa

Il numero dei casi fra gli operatori sanitari è in diminuzione dalla seconda metà di agosto, ma più lentamente rispetto alla discesa dei casi nel resto della popolazione, secondo quanto rileva il Report esteso dell’Istituto superiore di Sanità pubblicato sul sito Epicentro. Emerge un lieve aumento in corrispondenza dell’aumento del numero dei casi nella restante popolazione ad inizio luglio. Mentre i casi nella popolazione sono in forte diminuzione dalla seconda metà di agosto, i casi fra sanitari stanno diminuendo più lentamente (358 rispetto a 380 della settimana precedente) ed è ora pari al 2,1% rispetto al resto della popolazione.

Loading...

«Nessun rinvio terza dose per i sanitari»

Sul via libera ai sanitari è intervenuto lo stesso portavoce del Comitato e presidente dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro, per rassicurare il resto dei medici e degli infermieri che «non sono previsti rinvii». In particolare «la somministrazione, nell’ottica di massima precauzione, viene indicata progressivamente per gli ultraottantenni, i residenti nelle Rsa, le persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio».

I medici: minore rischio aiuta lavoro in serenità

Tuttavia per il presidente dell’ordine dei medici Fnomceo, Filippo Anelli, «i sanitari a rischio sono tutti, ognuno ne ha uno proprio». E dunque «può avere un senso partire da quelli più esposti, come quelli che lavorano nei reparti Covid», ma poi la terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuterebbe la categoria a continuare a lavorare in serenità». Anche il presidente della Fondazione oncologi, cardiologi e ematologi Francesco Cognetti chiede che la priorità sia data ai medici, quelli più a contatto con i pazienti fragili, quelli vaccinati prima, quelli con più di 70 anni, quelli fragili ma non fragilissimi, con patologie rilevanti concomitanti e quelli a contatto con personale sanitario non vaccinato. Per il resto degli italiani, invece, si attenderà ancora.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti