reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza, centri per l’impiego senza elenchi: nessun obbligo per 120mila beneficiari

Alla scadenza del 24 giugno, alle regioni ancora non sono arrivati dall’Anpal i nominativi dei percettori del sussidio e dei loro familiari. Nessuno è stato contattato per firmare il Patto per il lavoro, nonostante la legge stabilisca che la convocazione debba avvenire «entro 30 giorni dal riconoscimento del sussidio»

di Giorgio Pogliotti


default onloading pic
Il patto per il lavoro al centro per l’impiego (foto Ansa)

3' di lettura

Alla scadenza del 24 giugno, alle regioni ancora non sono arrivati dall’Anpal gli elenchi dei percettori del reddito di cittadinanza considerati “occupabili”. Il risultato è che dai centri per l’impiego non sono partite le chiamate per contattare i beneficiari del sussidio, neanche alla prima tranche di 120mila persone che ad aprile hanno ricevuto la Card Rdc con la somma accreditata, che dovranno essere presi in carico. Siamo ben oltre la scadenza della legge che stabiliva la convocazione «entro 30 giorni dal riconoscimento del beneficio».

Le regioni: senza gli elenchi non possono partire le convocazioni
Con i centri per l’impiego che non dispongono né degli elenchi con i nominativi dei richiedenti, né delle informazioni relative ai loro nuclei familiari, le politiche attive del lavoro non possono essere avviate e la misura continua ad essere solo di tipo assistenziale (l’importo medio del reddito di cittadinanza è di 540 euro mensili). «Chiediamo di essere messi nelle condizioni di far operare i centri per l’impiego, forniteci gli elenchi quanto prima», è la richiesta dell’assessore al lavoro della regione Lazio, Claudio Di Berardino. Gli assessori regionali, allarmati sui tempi necessari per la piena operatività, hanno scritto all’Anpal.

Anpal: in 48 ore piena operatività
Attualmente siamo ancora in una fase di “staging”, ovvero i tecnici dell’Agenzia nazionale delle politiche attive e delle regioni stanno testando il funzionamento dei sistemi informatici, per garantire il dialogo con il sistema centrale. Per l’Anpal questa fase transitoria durerà 48 ore, ovvero fino al 26 giugno. A monte è stata fatta una scrematura dal ministero del Lavoro tra quanti non sono occupabili (perchè minorenni, o maggiorenni con carichi di cura, o titolari della pensione di cittadinanza), quanti essendo in stato di disagio sociale sono da assegnare ai comuni per la sottoscrizione di un “Patto di inclusione”, e quanti invece dovranno sottoscrivere un “Patto per il lavoro” presso il centro per l’impiego.

Quando, finalmente, il flusso di informazioni verso le regioni verrà avviato, i centri per l’impiego potranno contattare (telefonicamente, o con un sms o con una email) il percettore del reddito di cittadinanza considerato “occupabile” per convocarlo, insieme ai suoi familiari.

Il primo passaggio: la compilazione della Did
Una volta fissato l’appuntamento, il primo passaggio consiste nella compilazione della cosiddetta Did, la dichiarazione di immediata disponibilità: l’Anpal stima che ne siano in possesso quasi tutti i richiedenti, ma i loro familiari potrebbero esserne sprovvisti (hanno 30 giorni dal primo incontro per mettersi in regola).

Una volta preso in carico, il beneficiario dovrà collaborare con l’operatore del Cpi nella redazione del bilancio delle competenze, dovrà registrarsi nella piattaforma digitale da consultare quotidianamente come strumento di supporto nella ricerca del lavoro, e svolgere settimanalmente una serie di attività(compresi corsi di formazione o di riqualificazione).

Sanzioni per chi non si presenta
In caso di mancata presentazione alle convocazioni, in assenza di un giustificato motivo, anche da parte di un solo competente del nucleo familiare, la prima volta scatta la decurtazione di una mensilità del reddito di cittadinanza, la seconda vengono tagliate due mensilità. La terza volta, invece, si perde il diritto ad avere il sussidio.

Selezionati i 2.980 navigator, manca l’intesa su cosa dovranno fare
Sul sito di Anpal servizi è pubblicato l’elenco dei 2.978 vincitori della selezione e dei 2.982 idonei per ricoprire i 2.980 posti di navigator che dovranno supportare i dipendenti dei centri per l’impiego nella presa in carico dei percettori del Rdc. Su base provinciale tutti i posti risultano coperti, con l’eccezione di Alessandria dove restano da coprire due posizioni (ci sono 16 posti e 14 tra vincitori e idonei).

Manca ancora però la convenzione quadro tra Anpal e regioni sui compiti dei navigator, che dovrà poi essere recepita dalle convenzioni da sottoscrivere a livello locale con ogni regione. Il 26 giugno è previsto un incontro per cercare un accordo a livello centrale: senza l’intesa sulla definizione dei compiti, Anpal non potrà procedere alla contrattualizzazione dei navigator che hanno superato la selezione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...