ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTrimestrali

Netflix cresce ma poco: 1,5 milioni di nuovi abbonati in tre mesi

Il re dello streaming ancora in frenata dopo il boom del 2020, avanza la concorrenza. Conta sul secondo semestre e in futuro anche sui videogiochi

di Marco Valsania

(REUTERS)

2' di lettura

Netflix, la prima società tech e digitale a dare il bilancio per il periodo aprile-giugno, ha riportato una performance ancora sotto pressione nel secondo trimestre dell'anno, dopo gli exploit durante la pandemia e i lockdown. I nuovi abbonati in particolare sono stati 1,54 milioni, meglio degli 1,12 milioni previsti dalla società ma inferiori agli 1,75 milioni attesi da molti osservatori. Ha registrato un calo, di 430.000 utenti, nel cruciale e redditizio mercato di Stati Uniti e Canada. Netflix ha oggi 209 milioni di abbonati globali.

Utili deludenti

Gli utili per azione, 2,97 dollari, hanno deluso rispetto ai 3,16 dollari pronosticati. Il fatturato ha fatto leggermente meglio delle stime, 7,34 miliardi contro 7,32 miliardi. A Wall Street nel dopo mercato il titolo ha ceduto fino al 4% per poi recuperare in parte terreno. Da inizio anno il titolo resta in lieve rialzo, dopo una forte avanzata nel 2020.

Loading...

Il boom del 2020

Il leader dello streaming aveva fatto il pieno di nuovi abbonati nel corso dell'anno pandemico 2020 – nel secondo trimestre dell'anno scorso aveva aggiunto dieci milioni di abbonati. L'accelerazione ha tuttavia reso più difficile la crescita nella prima parte del 2021. Nel primo trimestre aveva deluso le attese di aumento degli utenti, fermi a circa quattro milioni contro gli oltre sei attesi.

La concorrenza di Disney+

Netflix ha anche dovuto fare i conti con una concorrenza accresciuta nell'ultima stagione, caratterizzata dall'affermazione di nuovi servizi di streaming, da Disney+, il più agguerrito, fino a HBO Max ora parte di Warner Bros Discovery.Gli occhi sono adesso tutti puntati sul secondo semestre: gli analisti cercano prove che il gruppo riesca a tornare ad un passo di crescita pre-Covid, al ritmo di circa 25 milioni di nuovi abbonati annuali.

Le attese per il resto del 2021

Per il terzo trimestre la società ha al momento previsto 3,5 milioni di nuovi abbonati. Gli analisti finora hanno ipotizzato oltre cinque milioni di nuovi utenti. E un numero ancor più forte nel quarto trimestre, nove milioni. Un riscatto guidato dall'arrivo di nuovo, popolare content quali le serie Cobra Kai, La Casa de Papel, The Witcher, seguiti nel 2022 da The Crown, Ozark, Bridgerton. Da inizio anno ad oggi Netflix ha indicato di aver investito 8 miliardi in nuovo content.

Arriva anche il gaming

La società ha anche indicato di voler diversificare la sua strategia e la sua offerta, a cominciare dal gaming e il merchandising. Anche se questi sviluppi, stando agli osservatori, non dovrebbero avere impatto immediato. Nel gaming ha promesso una offerta gratuita inclusa nell’abbonamento. Di recente ha assunto un veterano dei videogiochi da Facebook, Mike Verdu che dirigeva Oculus Studios, per rafforzare una scommessa ancora solo agli inizi.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti