AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùla società dei pagamenti

Nexi sale ancora: dopo accordo Intesa accelera il dossier Sia

La matricola del settore dei pagamenti ha guadagnato circa l'8% in tre sedute: l'inizio del 2020 potrebbe portare a una decisione dei soci per una aggregazione con la società specializzata nelle infrastrutture tecnologiche per i pagamenti e la monetica controllata da Cassa depositi e prestiti

di Andrea Fontana

default onloading pic
Nexi ha da poco annunciato un'alleanza con Intesa Sanpaolo che diventerà socio con il 9,9%

2' di lettura

Nexiaggiorna i propri massimi dalla quotazione, avvenuta ad aprile, e testa quota 12 euro mentre le indiscrezioni parlano di un gennaio decisivo per il dossier di aggregazione con Sia , la società delle infrastrutture tecnologiche per i sistemi di pagamento e la monetica controllata dalla Cassa depositi e prestiti.

Balzo dell'8% in tre giorni sul Ftse Mib
Le quotazioni hanno guadagnato l'8% circa in tre giorni, un movimento innescato dall'accordo con Intesa Sanpaolo che entrerà nel capitale di Nexi nell'operazione di conferimento a quest'ultima delle attività di gestione delle carte di credito. Secondo quanto emerso da indiscrezioni di stampa, definito quest'ultimo accordo, è ripreso in modo spedito il lavoro degli azionisti di Sia e di Nexi (cioè la cordata di fondi di private equity riuniti nel veicolo Mercury Uk) e delle società operative: già ci sarebbero delle convergenze su un'operazione carta contro carta che porterebbe Nexi a incorporare Sia e il progetto potrebbe approdare sul tavolo dei consigli di amministrazione a gennaio dando delega ai due amministratori delegati (Paolo Bertoluzzo e Nicola Cordone) di definire i passaggi successivi.

Gli analisti fanno la conta di sinergie e potenziali strategie
«Una combinazione tra Nexi e Sia determinerebbe sinergie a regime di almeno 80-100 milioni all'anno, un aumento dimensionale e la possibile espansione a livello internazionale - sottolineano gli analisti di Websim - La nostra valutazione di Sia è di circa 3,2-3,7 miliardi di euro. L'unione tra le due società porterebbe alla creazione di un gruppo con oltre 2 miliardi di ricavi e quasi 900 milioni di ebitda rettificato». «Riteniamo che una eventuale fusione con Sia sarebbe una operazione strategicamente positiva per Nexi ed un eventuale premio di controllo sarebbe ampiamente giustificato dalle sinergie di costo derivanti dall`operazione», commenta Equita Sim.

Con nozze Sia i fondi potrebbero ridurre presenza in Nexi
L'operazione di aggregazione con Sia potrebbe inoltre rappresentare lo scenario perfetto per i fondi di private equity azionisti di Nexi (Bain Capital, Clessidra e Advent) , che detengono il 60% del capitale, per ridurre la loro presenza nella società sbarcata a Piazza Affari la primavera scorsa in un offerta pubblica che ha raccolto 2 miliardi di euro.

S&P ha confermato rating dopo operazione con Intesa Sanpaolo
Venerdì S&P ha confermato il rating 'BB-' sui titoli di lungo termine di Nexi e quello di 'BB-' sui senior unsecured notes, dopo l'annuncio dell'accordo raggiunto con Intesa. La società di rating ha sottolineato che Nexi finanzierà l'operazione interamente con nuovo debito. La posizione finanziaria dell'azienda di fatto non cambierà il profilo di rischio della società. L'outlook, anch'esso, è stato confermato "positivo" e così continua a riflettere la possibilità che S&P possa rivedere al rialzo il rating «se ci sarà evidenza che Nexi manterrà un rapporto tra debito ed ebitda di 4-5 volte e il ratio tra fondi da operazioni e debito di circa 12% nei prossimi 12 mesi».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...