HI tech

Nice punta tutto sulla formazione

L'azienda fornisce servizi di rifinitura e nobilitazione con un occhio all'ambiente

di Marta Casadei


2' di lettura

«Quando con i miei soci abbiamo fondato l’azienda, 35 anni fa, le abbiamo dato un nome ambizioso: Nice, acronimo di nuova industria conciaria europea. All’epoca abbiamo voluto essere ambiziosi, ma oggi l’idea di un’azienda che fornisce servizi conciari a livello internazionale, dando ai propri clienti anche dei contenuti all’avanguardia, come le competenze tecnologiche e l’attenzione alla sostenibilità è possibile. Noi abbiamo lavorato in questo senso, con uno spirito di servizio, ed eccoci qui». Mirko Balsemin è rimasto l’unico socio fondatore di Nice, azienda conciaria con sede a Zermeghedo, nel cuore del distretto di Arzignano, di cui è il titolare. Non è solo: accanto a lui c’è il figlio Luca, con cui lavora per portare l’azienda nel futuro.

Parlando di concia, il futuro poggia su due pilastri: tecnologia e sostenibilità. Anche per chi, come la Nice, lavora conto terzi su pelli già semilavorate: «Siamo un’azienda di servizio: ci occupiamo di rifinire la pelle, andando ad applicare al crust una pellicola che, come effetto finale, nobilita la pelle. Noi investiamo molto sulla formazione: negli anni abbiamo sostituito il personale in uscita con figure con competenze innovative e creative». Di grande importanza, secondo il titolare, sono anche «gli investimenti negli strumenti tecnologici e nella certificazioni». Da poche settimane l’azienda ha ottenuto la certificazione Iso 9001, uno standard internazionale nella gestione della qualità, e come obiettivo per il 2020 ha la Iso 4001 che identifica, invece, uno standard nella gestione ambientale: «L’abbiamo già ottenuta nel 2003, quando i temi della sostenibilità non erano certo in agenda come adesso - continua Balsemin -. All’epoca non era né riconosciuta da una nutrita platea di aziende né remunerativa, ma è un percorso che riprenderemo. Nel futuro non sarà importante solo produrre bene, ma anche come si produce».

Oltre alla certificazione, gli obiettivi della conceria Nice - che oggi ha un 20% di business concentrato all’estero tra Austria, Germania, Francia - sono due: «Fornire gli stessi servizi in maniera più qualificata e consolidare i clienti. È per loro che lavoriamo».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...