management vitivinicolo

Nicoletto passa alla guida del Gruppo vinicolo Bertani (Angelini)

Ettore Nicoletto è il nuovo ceo di Bertani Domains, la casa vinicola di cui il gruppo farmaceutico è proprietario

di G.d.O.


default onloading pic
Ettore Nicoletto. Dopo 16 anni al gruppo Santa Margherita va a Bertani Domains

2' di lettura

E’ stato annunciato il 3 febbraio dalla Angelini Holding il passaggio di Ettore Nicoletto, per 16 anni alla guida del Gruppo vinicolo Santa Margherita, alla Bertani Domains, il brand ombrello che raccoglie tenute vitivinicole dal Veneto al Friuli Venezia Giulia, dalla Toscana alle Marche e che fa capo proprio al Gruppo farmaceutico Angelini colosso da oltre 1,6 miliardi di euro. Non si tratta semplicemente di un cambio di casacca ma di una nomina che lascia trasparire le grandi ambizioni di Bertani Domains.

Ettore Nicoletto nei 16 anni alla guida del Gruppo Santa Margherita ha portato il fatturato dell’azienda veneta dai 67 milioni di euro del 2003 a sfiorare quota 190 milioni. Risultati che sono stati raggiunti grazie a un’articolata strategia di acquisizioni in Italia (dalla Toscana alla Sardegna, dal Prosecco al Lugana) e di sempre maggiore internazionalizzazione. Una proiezione, quella verso i mercati esteri, che ha avuto il suo clou nel lancio di Santa Margherita Usa la consociata dedicata alla distribuzione che ha consentito al gruppo una presenza capillare nel principale mercato straniero per il vino italiano.

Bertani Domains in questi anni, sotto la guida di un altro pezzo da 90 del management vitivinicolo, Emilio Pedron, è stata completamente riorganizzata attraverso un lavoro che ha conferito omogeneità gestionale alle cantine in passato racchiuse sotto l’insegna di Tenimenti Angelini. Sei le tenute, dalla griffe dell’Amarone Bertani che dà il nome all’intero gruppo, alla friulana Puiatti, dal “polo” toscano (che può contare su Val di Suga a Montalcino, Tre Rose a Montepulciano e San Leonino a Castellina in Chianti) fino alla marchigiana Fazi Battaglia etichetta celebre negli anni ’80 con la famosa bottiglia “ad anfora” che per decenni è stata sinonimo di Verdicchio. Complessivamente 1.700 ettari di terreni di cui 460 vitati in alcune delle aree più vocate d’Italia. Un potenziale produttivo quindi di rilievo e che lascia presagire come, sotto la guida di Ettore Nicoletto, dagli attuali 25 milioni di fatturato punta a quota 100 milioni proiettando così Bertani Domains nel novero delle principali aziende vitivinicole italiane.

Per approfondire
Brunello e Amarone i vini più cari d'Italia

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...