cassazione

Niente maxi assegno dalla moglie italiana ricca al marito siriano

di Patrizia Maciocchi


default onloading pic

2' di lettura

Anche l’uomo può essere vittima del nuovo corso della Cassazione che ha fatto carta straccia del principio sul tenore di vita da porre alla base dell’assegno di divorzio. A fare le spese del cambio di rotta dei giudici di legittimità, è stato un signore siriano, che a Raqqa aveva impalmato un’italiana molto facoltosa. A matrimonio finito in sede di separazione l’uomo, ha chiesto alla sua ex un assegno di 6 mila euro al mese, ottenendone uno, decisamente decurtato rispetto alla pretese, di 1500 euro. Per non correre troppi rischi l’ex marito aveva tentato anche di giocarsi la carta della mancata prova dell’irreversibilità della crisi coniugale: a suo avviso il rapporto non era finito.

La sentenza

Visualizza

E un indizio era, a suo avviso, il fatto che la signora aveva continuato ad elargirgli del denaro. I giudici ricordano però che non è necessario che entrambi i coniugi siano d’accordo sul fatto che il rapporto è ormai al capolinea, ma basta la disaffezione di uno solo. E che la signora si fosse ”disaffezionata” era dimostrato anche dal suo no al tentativo di conciliazione. Inutile per il ricorrente anche chiedere l’acquisizione dei redditi e dei cespiti della sua ex e invocare l’alto tenore di vita goduto nel matrimonio. La Suprema corte afferma che la decisione adottata dalla Corte d’Appello è del tutto in linea con il principio espresso dalle Sezioni unite nel 2018 (sentenza 18287), secondo il quale la funzione riequilibratrice dell’assegno di divorzio non è finalizzata a ricostruire il tenore di vita, ma a riconoscere il ruolo e il contributo fornito dall’ex più debole alla formazione del patrimonio di famiglia e a quello personale degli ex coniugi. Per i giudici, nello specifico, è irrilevante quanto ricca sia la signora. L’assegno di 1.500 euro assolve pienamente alla funzione assistenziale del mantenimento. E la vita nel lusso resta solo un bel ricordo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...