ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPosti chiave

Nomine, 70 poltrone in bilico e il Governo ragiona sullo spoils system: via i signor no

Tra meno di un mese, ad essere precisi il 24 gennaio, scadono i 90 giorni dello spoil system, la pratica politica secondo la quale il vincitore delle elezioni ha il diritto di nominare funzionari di propria fiducia a capo degli uffici dell’amministrazione pubblica

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

Parte la grande giostra delle nomine pubbliche. A dare il la ad un valzer che riguarderà una settantina di poltrone è stato il ministro della Difesa Guido Crosetto, tra i fondatori di FdI, considerato braccio destro di Giorgia Meloni. Senza mezzi termini, in un’intervista al Messaggero, Crosetto ha parlato della necessità di un «cambio in profondità» della macchina burocratica, a partire dai ministeri, per mandare via chi finora ha detto solo no o ha dimostrato di «perdere tempo».

Il 24 gennaio scadono i 90 giorni dello spoil system

Nessun nome e nessun riferimento esplicito ma tra meno di un mese, ad essere precisi il 24 gennaio, scadono i 90 giorni dello spoils system, la pratica politica secondo la quale il vincitore delle elezioni ha il diritto di nominare funzionari di propria fiducia a capo degli uffici dell’amministrazione pubblica.

Loading...

Il direttore generale del Tesoro Rivera

Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, è stato occupato a chiudere la legge di bilancio, ma in questi giorni il cerchio sembra stringersi proprio intorno al direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera, stabilmente al suo posto dall’agosto del 2018, al tempo del Conte 1. Le scelte in un certo senso più politiche compiute dal dipartimento del Mef sotto l’esecutivo Draghi sono state letteralmente ribaltate dal governo Meloni: innanzitutto quelle su Ita, con il ritorno in pista di Lufthansa precedentemente scartata a vantaggio di Certares, poi quelle sulla rete unica con l’accantonamento del memorandum tra Cdp e Tim. Non a caso anche sul destino dei vertici di Cassa depositi e prestiti le indiscrezioni si sono succedute in questi giorni. Ma il presidente, Giovanni Gorno Tempini, e l’amministratore delegato, Dario Scannapieco, sono in scadenza tra più di un anno, a maggio 2024, e le loro posizioni non rientrano tra quelle soggette a spoil system. Tempistica simile anche per Ferrovie, in mano a Nicoletta Giadrossi e Luigi Ferraris, mentre sono molto più ravvicinate nel tempo le decisioni sulle grandi partecipate dell’energia e della difesa.

Enel, Eni e Leonardo

I cda di Enel, Eni e Leonardo sono tutti in scadenza la prossima primavera. Sul piatto ci sono i rinnovi, o le sostituzioni, di Francesco Starace, ad della società elettrica scelto a suo tempo da Matteo Renzi e già oggi al suo terzo mandato, di Claudio Descalzi, anche lui numero uno del cane a sei zampe dal 2014, e di Alessandro Profumo, la cui nomina alla guida di Piazza Monte Grappa risale invece al 2017. Le voci delle ultime settimane scommettono su una sostituzione interna, probabilmente con Roberto Cingolani, ma non è esclusa, considerando anche i buoni rapporti tra i due, una staffetta che veda l’ex ministro ad e il manager presidente. Profumo ha del resto portato a casa risultati importanti, mettendo a posto i conti, dando una prospettiva al gruppo e garantendo un vero e proprio boom del titolo in Borsa.

Le agenzie fiscali

Movimenti sono attesi peraltro a breve nelle Agenzie fiscali: Marcello Minenna, capo delle Dogane vicino al Movimento 5 Stelle, sembra in bilico, così come Alessandra Del Verme, numero uno del Demanio. Più stabile invece la posizione di Ernesto Maria Ruffini alla guida dall’Agenzia delle Entrate. L’avvocato scelto prima da Renzi come ad di Equitalia e poi da Gentiloni alla guida della stessa Agenzia, potrebbe non essere soggetto ad alcuna ghigliottina.

La Rai

C’è infine il capitolo Rai. Il mandato dell’ad Carlo Fuortes, che termina tra oltre un anno, potrebbe arrivare a scadenza naturale, ma le prospettive non sono ancora del tutto certe. L’obiettivo di Giorgia Meloni, che è rimasta esclusa dall’ultimo rinnovo del cda nonostante FdI fosse il solo partito d’opposizione, è quello di riequilibrare verso il centrodestra l’assetto della tv pubblica puntando su Giampaolo Rossi come successore di Fuortes o direttore generale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti