ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCassazione

Non è diffamante la mail a tutti i superiori per lamentarsi della condotta del capo

Il racconto di una discussione con il capo inviato dalla lavoratrice via mail a tutti i superiori gerarchici, non lede la reputazione se i fatti esposti sono veri e se nel corso del diverbio la dipendente si è sentita offesa

di Patrizia Maciocchi

(Adobe Stock)

1' di lettura

Non è diffamatoria la mail inviata dalla lavoratrice a tutti i superiori gerarchici per raccontare una discussione con il capo, nel corso della quale la dipendente si è sentita offesa. Il reato va escluso se quanto affermato nella posta, mandata a più destinatari, corrisponde alla verità e se il lavoratore si limita a riferire del comportamento disdicevole assunto dal capo nei suoi confronti, in orario d’ufficio e all’interno del luogo di lavoro, senza dare giudizi morali, utilizzare espressioni offensive o fare valutazioni ulteriori. Per la Cassazione dunque, scrivere a tutti i superiori, per riferire il contenuto della conversazione, questa sì con toni “forti” da parte del capo, si può se il solo intento è quello di informare i destinatari dell’accaduto.

Non conta la suscettibilità personale

La Suprema corte (sentenza 34777) conferma che il fatto non sussiste e respinge il ricorso del capo in questione, che si era costituito parte civile nel processo. I giudici di legittimità, con l’occasione, ricordano che l’accertamento del reato si fa esclusivamente in base alle espressioni utilizzate e al significato obiettivo che la frase assume «all’interno di un determinato ambiente e in uno specifico contesto storico». Mentre non contano la suscettibilità personale e la considerazione che ciascuno ha di sé o il semplice amor proprio. Partendo da questi principi la Cassazione sottolinea che non vanno considerate come offese alla reputazione «le sconvenienze, l’infrazione alla suscettibilità o alla gelosa riservatezza». E neppure la mail di “denuncia”.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti