Attualita

Non è vero che per il Tar la Lombardia avrebbe violato le regole sui contratti

La società Diasorin spa sulla vicenda dei ricorsi per i test sierologici puntualizza che la Regione Lombardia non è stata in alcun modo interessata o coinvolta nel procedimento amministrativo in corso

default onloading pic

La società Diasorin spa sulla vicenda dei ricorsi per i test sierologici puntualizza che la Regione Lombardia non è stata in alcun modo interessata o coinvolta nel procedimento amministrativo in corso


2' di lettura

Riceviamo e pubblichiamo

Scrivo in nome e per conto della DIASORIN spa, con sede in Saluggia, via Crescentino snc e del suo Amministratore Delegato, dott. Carlo Rosa in relazione all'articolo apparso sul quotidiano e online, a firma Sara Monaci, dal titolo “E' ancora scontro sui test sierologici: per il TAR la Lombardia ha violato la concorrenza e le regole sui contratti pubblici”.

Senza entrare nel merito della vicenda processuale (che proseguirà con l'udienza collegiale del 13 maggio) mi vedo costretto – a tutela della società da me assistita – a contestare sia nel metodo, sia nei contenuti, l'articolo in questione.
Infatti:
- quanto al metodo spiace osservare che l'articolo in questione (al pari di quello, su analoghi argomenti, apparso nell'edizione del 18 aprile u.s.) è uscito, verosimilmente, dopo contatti con la controparte processuale (di cui sono state anticipate ampie motivazioni del ricorso, prima del deposito) e non con la Società da me assistita (mai interpellata)
- quanto ai contenuti, preme sottolineare che sono state formulate asserzioni inesatte e gravemente lesive della competenza e della reputazione della DIASORIN spa


Per la precisione e solo con riferimento all'ultimo articolo:
1. Si titola, in grassetto e con evidenza, che per il TAR la Lombardia avrebbe violato la concorrenza e le regole sui contratti pubblici. Questo non solo è infondato ma è “falso”. Il ricorso in questione è stato proposto da Techogenetics srl nei confronti di Fondazione IRCCS Policlinico S.Matteo e DIASORIN spa. La Regione Lombardia non è stata in alcun modo interessata o coinvolta nel citato procedimento amministrativo.

2. Si riprende, dopo aver riportato stralci della motivazione del Presidente del TAR, l'argomento “Regione Lombardia” in calce all'articolo per riferire circostanze veritiere (ovverosia l'inizio, il 23 aprile dei test sierologici (marchiati CE dal 17 aprile) e l'avvio di una manifestazione di interesse per valutare altre offerte di mercato) ma totalmente estranee al procedimento amministrativo. All'evidente scopo di ingenerare confusione ed ingiustificato discredito sui Soggetti in questione.

Sussistono dunque, a mio parere, i presupposti affinchè, a norma dell'art. 8 della legge n. 47/1948, sia disposta la pubblicazione immediata di una rettifica del contenuto dell'articolo in questione.

Cordiali saluti.
Avv. Ezio AUDISIO

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti