COMMERCIO

Non si arresta l’emorragia delle chiusure: in dieci anni persi 70mila negozi

Calo dei consumi, elevata tassazione, caro affitti, concorrenza dell’e-commerce e mancanza del ricambio generazionale le concause degli abbandoni

di Enrico Netti

default onloading pic
(Agf)

Calo dei consumi, elevata tassazione, caro affitti, concorrenza dell’e-commerce e mancanza del ricambio generazionale le concause degli abbandoni


1' di lettura

Occhi chiusi lungo le vie cittadine: sono quelli dei 70mila negozi del piccolo commercio al dettaglio che hanno abbassato la saracinesca nell’ultimo decennio. È un quadro impietoso quello che emerge dal rapporto Confcommercio «Imprese e città - Demografia d'impresa nelle città italiane» che analizza l’evoluzione di queste attività radicate sul territorio, nei centri storici di 120 città.

I saldi sempre in terreno negativo: tra il 2008 e il 2019 sono spariti circa 70mila negozi in sede fissa, con una perdita di oltre il 12%. Le chiusure sono state per buona parte rimpiazzate con attività legate alle varie forme di bar, ristoranti e alberghi in crescita del 16,5% grazie a una forte presenza di street foot, take away e specialità etniche.

A chiudere sono soprattutto le boutique e i negozi di abbigliamento, calzature, libri, giocattoli, mobili, ferramenta. Tutte piccole attività legate ai consumi tradizionali. Tutte queste micro attività, molto spesso a gestione familiare non solo escono dai centri storici ma purtroppo scompaiono a favore delle grandi superfici specializzate che sorgono nelle periferia e fuori città.

Un impoverimento che minaccia la vitalità dei centro città mentre le amministrazioni locali e centrali tacciono. Il risultato è il complessivo e generale depauperamento del commercio e del tessuto cittadino. Il rapporto di Confcommercio evidenzia come dal 2012 ci sia il passaggio di consegne tra imprese straniere (+28%) e lavoratori stranieri (+19%) contro la flessione delle attività italiane (-2%) e il lieve rialzo degli occupati italiani (+2%)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...