sanità

Non vaccini i figli? Niente benefit fiscali. Lo ha deciso l’Australia


Vaccini, a scuola basta l’autocertificazione

1' di lettura

Chi si rifiuterà di vaccinare i figli dal prossimo anno fiscale non godrà più di alcuna riduzione dei benefici fiscali previsti dal regime di tassazione per le famiglie. L'iniziativa, raccontata in Italia da Il Post, « ha lo scopo di incentivare le vaccinazioni e aumentare le coperture vaccinali, per la tutela della salute di tutti gli australiani. Il programma si chiama “No Jab, No Pay”, cioè “Niente vaccinazione, niente paga”, e influisce sulla Family Tax Benefit Part A, la parte dei provvedimenti fiscali federali dedicata alle famiglie e agli sgravi previsti per chi ha figli a carico».

A conti fatti si tratta di un taglio pari a 28 dollari ogni due settimane per ogni figlio non vaccinato. «L'immunizzazione - ha ricordato il ministro dei Servizi sociali dell'Australia, Dan Tehan - è il modo più sicuro per proteggere i bambini da malattie che possono essere prevenute grazie ai vaccini. I genitori che non immunizzano i loro figli non solo mettono a rischio i loro bambini, ma anche quelli di altre persone». Secondo Tehan, la minore erogazione di denaro ogni due settimane sarà un efficace «costante promemoria» per chi è contrario ai vaccini.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...