in tribunale

Nord e Sud separati dai tempi dei processi civili

Il tribunale più rapido è Ferrara, dove una causa si conclude in media in 147 giorni, il più lento Vallo della Lucania, dove servono più di tre anni

di V.M. e B.L.M.


default onloading pic
(Scarpiello Imagoeconomica)

2' di lettura

Al Sud un procedimento civile in tribunale dura in media 17 mesi, più del doppio rispetto al Nord, dove in media ci vogliono circa otto mesi. La cronica spaccatura dell’Italia riguarda anche la giustizia civile, con un Mezzogiorno in affanno non solo in termini di reddito, lavoro e disoccupazione ma anche di tutela dei diritti delle persone. E il divario aumenta se dai tempi medi dell’area si passa a quelli dei singoli tribunali: il più rapido a chiudere i procedimenti civili è Ferrara, in Emilia Romagna, con 147 giorni, e il più lento è Vallo della Lucania, in Campania, con 1.231 giorni.

A stabilire la durata dei procedimenti non è solo la geografia. I tempi cambiano molto anche in base al tipo di causa . Tanto che si passa dai 22 giorni necessari in media per un decreto ingiuntivo di lavoro ai 527 giorni per una controversia in materia di locazioni, fino ai tre anni in media per ottenere una decisione di primo grado quando l’oggetto della lite è un contratto bancario.
Sono questi gli elementi che emergono analizzando i flussi dei processi civili nel 2018 diffusi dal ministero della Giustizia ed elaborati dal Sole 24 del Lunedì.

Verso la riforma del processo civile
L’analisi aiuta a ricostruire il quadro - tutt’altro che uniforme - che si presenta alla vigilia dell’esame da parte del Consiglio dei ministri della riforma della giustizia civile elaborata dal ministro Alfonso Bonafede: il disegno di legge delega - che ha l’obiettivo principale proprio di ridurre i tempi dei processi - dovrebbe approdare a Palazzo Chigi entro fine novembre.

Nonostante a livello nazionale i tempi della giustizia civile siano progressivamente migliorati, passando dai 402 giorni del 2014 ai 389 del 2018, l’Italia continua a occupare gli ultimi posti in Europa, come attesta il Quadro di valutazione della giustizia 2019 della Commissione Ue.

Ma a colpire è soprattutto la netta spaccatura del Paese, con un Nord in cui il tribunale più lento, quello di Imperia, fa comunque meglio della media nazionale (354 giorni contro 389), e un Sud che esprime quasi tutti i tribunali più in difficoltà. Il divario risalta soprattutto se si guarda alla durata dei singoli procedimenti. Nelle cause in materia di assistenza sociale a Vallo della Lucania (tra i più lenti in più materie) un procedimento dura 13 anni contro i 91 giorni di Rovereto o i 110 giorni di Siena. A Vibo Valentia una causa di lavoro privato richiede quasi 12 anni, mentre a Bolzano 112 giorni e a Milano (che attrae un numero di controversie 35 volte maggiore) 187 giorni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...