ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPackaging

Nordmeccanica costruisce la quarta fabbrica a Piacenza

Tre milioni di investimento e 30 assunzioni in vista in un progetto greenfield

di Ilaria Vesentini

2' di lettura

È la quarta fabbrica nel polo industriale di Piacenza, un progetto greenfield da 3 milioni di euro in due anni che porterà a 30 nuove assunzioni. Nordmeccanica, primo produttore mondiale di macchine per gli imballaggi flessibili, inaugura la stagione post Covid con un investimento che porterà ad aumentare del 10% organici e produzione.
I cantieri partono ora nella zona industriale della città, dove Nordmeccanica opera già su altri tre stabilimenti, l’impianto è già stato autorizzato dal Comune di Piacenza e l’obiettivo è accendere i macchinari a inizio 2022.

Leader mondiale di mercato

Il nuovo sito sarà di 3mila mq, che si sommano ai 33mila metri quadrati coperti dove il gruppo controllato dalla famiglia Cerciello oggi costruisce tecnologie brevettate per il packaging flessibile, nicchia in cui è leader mondiale del mercato (con una quota del 70%), in particolare macchine accoppiatrici specializzate nell’abbinamento di materiali diversi, come film plastici, carta, alluminio destinate ai settori food & pharma e le nuovissime macchine “metallizzatrici”, per la produzione di imballaggi riciclabili, l’innovazione green del settore che dimezza i costi e l’impatto ambientale rispetto al confezionamento con alluminio.

Loading...

Marginalità positive nonostante il Covid

Il 95% dei 100 milioni di euro di fatturato archiviato lo scorso anno (in calo di pochi punti nonostante il lockdown e con marginalità comunque positive) è esportato e oltre agli stabilimenti piacentini, Nordmeccanica può contare su presidi produttivi in Cina (Shanghai) e Stati Uniti (New York). «Il Covid ha comportato notevoli difficoltà soprattutto logistiche, ma questo non ci ha impedito di proseguire il nostro percorso di crescita, grazie anche agli investimenti in tecnologie 4.0, che ci hanno permesso di assistere da remoto i clienti in tutto il mondo quando viaggiare era impossibile, e alla transizione verso processi e prodotti sostenibili», spiega Antonio Cerciello, presidente di Nordmeccanica, fresco di nomina a Cavaliere della Repubblica. Il nuovo stabilimento è la materializzazione degli ambiziosi obiettivi di crescita dell’azienda, che già per il 2021 prevede un ritorno ai 110 milioni di euro di fatturato pre-pandemia, con un piano di assunzioni di 30 tecnici e ingegneri, che dal prossimo anno andranno ad aggiungersi ai circa 300 dipendenti attuali, un terzo dei quali all’estero.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti