House Ad
House Ad
 

Norme e Tributi Edilizia e Ambiente

Doppio rinvio per l'ambiente

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 dicembre 2010 alle ore 06:40.


La proroga del Sistri è in dirittura di arrivo e il relativo Dm, dopo la registrazione della Corte dei conti, dovrebbe essere pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» entro fine anno, cioè entro la fine del regime transitorio (documenti di carta e sistema informatico). La proroga Sistri viene infatti portata al 31 maggio 2011 e fino ad allora le imprese procedono alla verifica della funzionalità del sistema. Conseguentemente, slitta anche l'applicazione delle sanzioni (si veda «Il Sole 24 Ore» di ieri).
Differito anche il termine per la dichiarazione annuale prevista entro il 31 dicembre 2010 che si sposta al 30 aprile 2011 ("Mudino"). Infatti, il nuovo Dm modifica tutti i termini stabiliti dall'articolo 12 del Dm 17 dicembre 2009 (istitutivo del Sistri) e oggetto di ben quattro modifiche intervenute nel corso di questo primo anno di applicazione.
Il termine contenuto nel comma 2 dell'articolo 12 è quello che stabilisce la verifica di funzionalità del Sistri e la tenuta dei documenti cartacei e questo è il termine che ottiene la prima proroga. Differimento che consente alle imprese obbligate al Sistri di abbandonare la tracciabilità cartacea (registri e formulari) dal 1° giugno 2011 e non più dal 1° gennaio 2011. Questo significa che slitta di cinque mesi anche l'operatività delle sanzioni amministrative pecuniarie e dei regimi di confisca dei mezzi introdotti dal Dlgs 205/2010, il quale modifica la parte IV del Codice ambientale (si veda «Il Sole 24 Ore» del 13 dicembre) nonché l'obbligo di tenuta dei registri da parte dei soggetti non obbligati al Sistri (esempio, edili). In questi cinque mesi il Sistri dovrà però dotarsi della compiuta architettura di sistema capace di rispondere alle finalità per le quali è stato concepito e dovrà dare certezze operative e normative alle imprese, risolvendo le numerose criticità che, ancora oggi, lo caratterizzano: incompleta distribuzione dei dispositivi elettronici e del montaggio delle back box; lentezza della risposta del sistema nel completamento delle transazioni e addirittura l'assenza di segnale dovuta all'incapacità dell'infrastruttura telematica di reggere il carico di traffico generato dalle migliaia di richieste quotidiane; la sistematica e costante modifica dei manuali operativi che compaiono nel sito www.sistri.it. La proroga, dunque, al pari di quella già intervenuta con Dm 28 settembre 2010, consente alle imprese di continuare a tracciare i singoli movimenti di carico, scarico, trasporto e destinazione dei rifiuti mediante i consueti registri e formulari per non interrompere la tracciabilità dei rifiuti ai quali, per familiarizzare con il sistema informatico, si aggiunge il Sistri che potrà essere utilizzato dalle imprese che ne sono in possesso. Pertanto le imprese potranno continuare a verificare la funzionalità del sistema per altri cinque mesi, nel rispetto delle stesse procedure seguite dal 1° ottobre a oggi.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Corte dei Conti | Normativa sull'ambiente |

 

Al comma 1 dell'articolo 12 del Dm 17 dicembre 2009 si colloca un altro termine oggetto dell'altra importante proroga recata dal nuovo Dm: quella relativa al cosiddetto "Mudino"; infatti, slitta dal 31 dicembre 2010 al 30 aprile 2011 il termine entro il quale produttori, smaltitori e recuperatori di rifiuti devono dichiarare, sulla base dei dati inseriti nel registro di carico e scarico, i rifiuti prodotti e gestiti nel 2010. L'adempimento relativo al "Mudino" avrebbe dovuto essere assolto mediante la compilazione di un'apposita scheda, inviata al Sistri (quindi, al ministero dell'Ambiente). Questa scheda, però, non è stata mai adottata, il che rendeva di fatto impossibile l'adempimento entro fine anno. Il nuovo Dm si porta avanti anche per la dichiarazione 2011 e stabilisce che il "Mudino" per i rifiuti prodotti e gestiti nel corso del prossimo anno per il periodo non coperto dal Sistri dovranno essere dichiarati entro il 31 dicembre 2011. Questa seconda proroga, dunque, prelude all'adozione di una specifica scheda da parte del ministero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
www.ilsole24ore.com/norme
Il decreto dell'Ambiente
e il protocollo con le imprese
Le decorrenze e il sistema
Per la tracciabilità dei rifiuti sidovranno continuare a usare iregistri e i formulari. Chi è inpossesso di Sistri potrà usarloper verificare la funzionalità del sistema informatico
Dichiarazione su apposita scheda dei rifiuti prodotti e gestiti nel 2010
Non si applicano le sanzioni introdotte dal Dlgs 205/2010 per il Sistri
Dichiarazione su apposita scheda per i rifiuti prodotti e gestiti per il periodo 2011 non coperto da Sistri (1° gennaio-31 maggio)
01|PER IL TRASPORTATORE
Genera la specifica riga del "registro cronologico"
02|PER IL PRODUTTORE
Invia alla casella di posta elettronica, attribuita automaticamente dal sistema al produttore del rifiuto, la comunicazione di accettazione dei rifiuti da parte del destinatario. Compila la specifica riga del "registro cronologico", già compilata in fase di "carico", con i dati relativi allo "scarico"
03|PER IL DESTINATARIO
Genera la specifica riga del "registro cronologico" con la presa in carico dei rifiuti

Shopping24

Da non perdere

Economia Usa a stelle e (7) rischi

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Usa e per quella globale, inevitabilmente

Senza Pedemontana le imprese frenano

Se ne parla da vent'anni e ancora non c'è. L'Expo 2015 sembrava l'occasione buona per arrivare in

Lettere

I mutui latitano ma le banche abbiano più coraggio Mi chiamo Andrea Bucci, sono un giovane

Il posto italiano sul treno cinese

Dapprima le cattive notizie: l'anno appena trascorso è stato, per gli italiani, il peggiore del

Grillo è tornato e vuole contendere l'elettorato a Berlusconi

Una mossa a effetto di Beppe Grillo era attesa come inevitabile ormai da qualche settimana. Da

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da