Norme & Tributi

Mef lancia newsletter per il cittadino

  • Abbonati
  • Accedi
comunicazione

Mef lancia newsletter per il cittadino

  • – di N. T.

Parte #INBREVE, la newsletter di aggiornamento sui provvedimenti e le iniziative del Ministero e dell'amministrazione economico-finanziaria, incluse le Agenzie fiscali e le società in-house.

Con la newsletter intendiamo ampliare il ventaglio degli strumenti impiegati per informare i cittadini in maniera agile, con il linguaggio informale già usato sui social network e sul nostro canale Telegram. Un canale di comunicazione che si affianca ai siti visitati da 4 milioni di utenti che ogni mese visualizzano 69 milioni di pagine web e applicazioni dell'Amministrazione.

Il formato standard della newsletter prevede l'inserimento di tre o quattro contenuti. Sono previste anche varianti che consentono invii speciali con singole notizie o messaggi dei vertici dell'Amministrazione, incluso il Ministro.

Per ricevere la newsletter basterà inserire nella pagina www.mef.gov.it/ newsletter il proprio indirizzo di posta elettronica e il Cap e seguire le indicazioni per confermare l'iscrizione.

La richiesta del Cap è finalizzata alla segmentazione geografica degli iscritti così da poter inviare comunicazioni specifiche legate a provvedimenti o appuntamenti che interessano un particolare territorio. I dati sull'uso crescente di smartphone e tablet per navigare online ha portato alla progettazione di una newsletter con un design semplice, la visualizzazione responsive per desktop e mobile, ottimizzata per rispondere ai requisiti di accessibilità tramite tecnologie assistive grazie all'uso delle specifiche Wai-Aria proposte dal W3C (world wide web consortium), adottate dal Ministero e da Sogei, partner tecnologico del Mef.

Le tecnologie assistive, (quali la tastiere braille o screen reader) supportano la navigazione web per utenti con diverse forme di disabilità. Wai-Aria migliora l'interazione per gli utenti che non possono utilizzare mouse e strumenti di puntamento come ad esempio gli utenti non vedenti e quelli con disabilità cognitiva, anche in pagine con funzioni interattive come form e menu espandibili

© Riproduzione riservata