Norme & Tributi

L’Esperto risponde: doppio nome sui documenti solo se non…

  • Abbonati
  • Accedi
quesito del lunedi

L’Esperto risponde: doppio nome sui documenti solo se non c’è la virgola

Il quesito. Vorrei sapere cosa prevede la normativa in merito alla scelta del doppio nome al momento della registrazione all’anagrafe. Si possono attribuire due nomi, ma usarne solo uno ai fini dell’identificazione? Mi spiego meglio: se chiamo mio figlio «Pietro Paolo», posso poi, per rendere le cose più semplici, far comparire sui suoi documenti amministrativi e fiscali solo «Pietro», lasciando invece «Pietro Paolo» soltanto sul documento originario di battesimo? S.C. - Ancona

La risposta. Secondo l’articolo 35 del Dpr 396/2000, come modificato dalla legge 219/2012, il nome di una persona può essere costituito da un solo nome o da più nomi, anche separati, non superiori a tre. Così afferma il comma 1 dell’articolo. Mentre il successivo comma 2 precisa che «nel caso siano imposti due o più nomi separati da virgola, negli estratti e nei certificati rilasciati dall’ufficiale dello Stato civile e dall’ufficiale di anagrafe deve essere riportato solo il primo dei nomi». Significa che, a differenza di quanto accadeva prima delle modifiche introdotte nel 2012, la presenza di una virgola tra i nomi fa sì che solo il primo di essi potrà comparire nei documenti di identità rilasciati da ufficiali di Stato civile e di anagrafe. I nomi collocati dopo la virgola, invece, non compariranno nei certificati, ma potranno essere comunque utilizzati.
Diversa la situazione in cui non siano presenti virgole tra i nomi: in tal caso, questi ultimi saranno tutti presenti nei documenti identificativi della persona e dovranno essere sempre indicati, in quanto parte integrante del nome.

Il quesito è tratto dall'inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 15 gennaio.
Clicca qui per consultare i quesiti e i pareri degli autori nell’archivio dell’Esperto risponde. Non trovi la risposta al tuo caso? Clicca qui per inviare una nuova domanda agli esperti.
Se stai leggendo questo articolo da un dispositivo mobile, collegati al sito www.ilsole24ore.com/espertorisponde

© Riproduzione riservata