Norme & Tributi

Il Fisco «svela» il nuovo modello 730: record di sconti nella…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |LA dichiarazione dei redditi

Il Fisco «svela» il nuovo modello 730: record di sconti nella precompilata

Quasi 960 milioni di dati tra redditi e sconti fiscali sono stati comunicati al Fisco per la dichiarazione precompilata 2019 che, da lunedì 15 aprile, sarà consultabile nell’area riservata del sito delle Entrate. A comunicarlo è stata ieri l’Agenzia che ha messo in evidenza un aumento del 3,8% delle informazioni precaricate rispetto all’edizione dello scorso anno. Merito anche dei nuovi “ingressi”, ossia le spese su parti comuni condominiali che danno diritto al bonus verde e le somme versate dal 1° gennaio 2018 per assicurazioni contro le calamità, stipulate per immobili a uso abitativo.

PER SAPERNE DI PIÙ / Ticket e visite nel 730: cambio-dati sotto tiro

Proprio mentre il Def 2019 annuncia per l’ennesima volta un’operazione di potatura delle tax expenditures, i dati della precompilata dimostrano il successo di detrazioni e deduzioni. Il 74% dei dati trasmessi, vale a dire 754 milioni, riguardano spese a carattere sanitario comunicate da farmacie, studi medici, cliniche, ospedali (+4,7% sul 2018). Ma ci sono anche 92 milioni di dati per premi assicurativi e 16 milioni di dati relativi a bonifici per ristrutturazioni a cui si aggiungono anche 6 milioni per i lavori su parti condominiali. Senza dimenticare i dati sui redditi, trasmessi attraverso le Certificazioni uniche, che arrivano a quota 61 milioni.

PER SAPERNE DI PIÙ / Detrazione del 19% sulle cure anche per i familiari a carico

Per le prime due settimane sarà solo possibile consultare la precompilata mentre dal 2 maggio si potrà modificare, accettare o inviare il solo modello 730 (per Redditi si parte dal 10 maggio). Tra le novità di quest’anno l’allargamento della compilazione assistita che consetirà per modificare in maniera guidata tutto il quadro E della dichiarazione, per esempio per aggiungere un onere detraibile o deducibile che non compare tra quelli già inseriti dall’Agenzia o modificare gli importi delle spese sostenuti.

GUARDA IL VIDEO / Il Fisco non chiederà più i dati che già ha, come scontrini di farmaci o rette di asili nido

In pratica, da quest’anno la funzione (disponibile a partire dal 10 maggio) si allarga anche agli importi relativi alle spese che danno diritto agli sconti fiscali per le ristrutturazioni, per il risparmio energetico, per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici e al bonus verde. Dopo che il contribuente avrà apportato le sue modifiche, sarà il sistema a ricalcolare in automatico gli oneri detraibili e deducibili, sulla base dei nuovi dati e di eventuali limiti previsti dalla legge, e a inserire il totale nei campi del quadro E.

PER SAPERNE DI PIÙ / Per chi ha figli con disabilità sconto Irpef più «pesante»

© Riproduzione riservata