Attualità

Notizie live. Regno Unito, Johnson: stop a tutte le restrizioni dal 24 febbraio

Notizie in tempo reale del 21 febbraio. In Corea del Sud superati i 100mila nuovi casi, mai così tanti da inizio pandemia. Nave militare cinese punta il laser contro un aereo australiano a pochi metri dalla costa

Gb, la regina Elisabetta II positiva al Covid
  • Nuova Zelanda, scontri polizia-no vax davanti Parlamento

    La polizia con scudi antisommossa si è scontrata oggi con manifestanti no-vax davanti al parlamento della Nuova Zelanda a Wellington. Un manifestante che ha tentato senza successo di gettarsi con un’auto contro un gruppo di agenti è stato arrestato. La tensione è accresciuta dopo che ieri un gruppo di dimostranti aveva scagliato escrementi umani sui poliziotti che stavano installando posti di blocco intorno ad un campo di protesta nel distretto parlamentare. “Almeno tre agenti necessitano di cure mediche”, ha detto la polizia in una nota. La protesta di Wellington è iniziata come un raduno di protesta contro l’obbligo vaccinale per Covid, ma è ha sconfinato fino a comprendere una serie slogan anti-governativi e anti-media dell’estrema destra. I residenti di Wellington si sono lamentati di essere stati maltrattati dai manifestanti per aver indossato le mascherine, atti che il primo ministro Jacinda Ardern che ha condannato come “bullismo e molestie”.

  • Djokovic rientra, a Dubai ovazione della folla

    Novak Djokovic è tornato sui campi di tennis per la prima volta da quando, a dicembre, giocò per la Serbia in Coppa Davis. Poi ci sono state l’espulsione dall’Australia perche’ non vaccinato, e le polemiche che ne sono seguite per la sua esenzione e le posizioni no vax. Così oggi ad attendere il numero uno del mondo sul court del Dubai Duty Free Tennis Stadium, per il suo match contro Lorenzo Musetti per il primo turno del torneo Atp, c’era un pubblico da tutto esaurito che ha tributato al 34enne tennista serbo un’autentica ovazione prima che la sua partita cominciasse.

  • Giorgetti (Lega): non ci sono condizioni per proroga stato di emergenza

    “Lo stato di emergenza è eccezionale, un’ulteriore proroga richiederebbe una situazione eccezionalissima che francamente non vedo. Non ci sono né le condizioni sanitarie né costituzionali per una ipotesi di questo genere”. Lo dichiara il ministro allo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti (Lega).

  • In commissione Camera respinto emendamento Lega su stop Green pass

    Con 13 voti a favore, 22 contrari e 5 astenuti l’emendamento della Lega sullo stop al green pass alla scadenza dello stato di emergenza il 31 marzo è stato bocciato dalla commissione Affari sociali della Camera. Lo riferiscono fonti parlamentari della maggioranza.

  • Esperti Regno Unito: “Preoccupa fine test e isolamento, così più contagi”

    “In qualità di esponenti della comunità scientifica e medica del Regno Unito, scriviamo questa lettera aperta per esprimere la nostra preoccupazione riguardo ai piani del governo per porre fine a test, indagini di sorveglianza e obbligo legale di isolamento per i casi di Covid-19. Chiediamo venga chiarito il parere scientifico su cui poggiano queste decisioni politiche”. E “non crediamo che ci sia una solida base scientifica. È quasi certo che aumenterà la circolazione del virus e non ci sarà visibilità delle varianti di preoccupazione emergenti”.

    È stata pubblicata ieri 20 febbraio sul web e al pomeriggio di oggi ha superato quota 2.400 firme la lettera aperta indirizzata da un gruppo di medici e di esperti di diverse università britanniche (e discipline) ai consiglieri medico-scientifici Chris Whitty e Patrick Vallance, per chiedere chiarimenti sulle scelte in programma. I firmatari, che sono professori di atenei come l’University College London e l’University of Oxford, e camici bianchi di realtà sanitarie Gb, citano alcuni passaggi contenuti in documenti del Sage (Scientific Advisory Group for Emergencies). Come per esempio: “L’emergere di nuove varianti e la conseguente ondata di infezioni possono verificarsi molto rapidamente, potenzialmente entro poche settimane”. O ancora chiamano in causa documenti in cui si mette in guardia sull’aumento della trasmissione Covid che potrebbe verificarsi “se l’autoisolamento e i test verranno rimossi”.

  • Regno Unito, Johnson: stop a tutte le restrizioni dal 24 febbraio

    Il premier britannico Boris Johnson ha formalizzato alla Camera dei Comuni la fine di tutte le ultime restrizioni Covid in vigore per legge in Inghilterra, inclusa la fine dell’obbligo dell’isolamento per le persone contagiate, che da questo momento saranno semplicemente “incoraggiate a esercitare la responsabilità personale” in caso d'infezione, così come avviene quando si è soggetti a “un’influenza”. Annunciata anche la graduale revoca della distribuzione gratuita a pioggia dei test antigenici. “Il picco di Omicron è superato”, ha sottolineato Johnson, ricordando il livello d’immunità e di copertura vaccinale raggiunti dal Regno.

  • Nel Regno Unito 38.409 nuovi casi e 15 decessi

    a Gran Bretagna ha registrato oggi 38.409 nuovi casi di Covid-19 e altri 15 decessi, secondo i dati ufficiali delle autorità sanitarie. Ieri, domenica 20 febbraio, si erano registrati 25.696 nuovi casi e 74 decessi.

  • Milleproroghe, voucher turismo esteso da 24 a 30 mesi

    Viene esteso da 24 a 30 mesi dalla data di emissione, il periodo di validità del voucher turismo, riconosciuto (in alternativa al rimborso) a fronte della mancata fruizione per ragioni legate alla pandemia di contratti di trasporto aereo, ferroviario, marittimo, o terrestre, contratti di soggiorno e contratti di pacchetto turistico. Lo prevede una norma del decreto Milleproroghe introdotta durante l’esame in Commissione.

  • Gb verso quarta dose a over 75 e immunodepressi da 12 anni in su

    Il Regno Unito si avvia verso la somministrazione di un richiamo extra di vaccino anti-Covid ad anziani over 75 e over 12 immunodepressi già in primavera, sulla base del parere dell’organo consultivo sulla vaccinazione. La conferma arriva dallo stesso segretario alla Salute e assistenza sociale britannico Sajid Javid: “Oggi ho accettato l’indicazione del Comitato congiunto indipendente per la vaccinazione e l’immunizzazione (Jcvi)” che raccomanda di “offrire dalla primavera un’ulteriore dose booster anti-Covid a persone di età pari o superiore a 75 anni, ospiti di case di cura per anziani e over 12 immunodepressi”, ha spiegato in una dichiarazione ufficiale.

  • In Calabria 1.217 contagi, aumentano i ricoveri (+13)

    In aumento ricoveri e tasso di positività in Calabria. Sono 1.217 i contagi registrati nelle ultime 24 ore nella regione con soli 5.716 tamponi e un tasso pari a 21,29%. Sei i nuovi decessi, che portano il totale delle vittime a 2.046. Gli ingressi nei reparti di cura crescono di 11 unità (346) e quelli in terapia intensiva di 2 (28). Si contano 1.545 guariti (154.105) mentre gli attualmente positivi diminuiscono di 334 (48.508) e gli isolati a domicilio sono 347 in meno (48.134). In Calabria, ad oggi - secondo i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Azienda sanitarie provinciali della Regione Calabria - il totale dei tamponi eseguiti è di 2.213.331 e le persone risultate positive al Coronavirus sono 204.659.

  • In Emilia Romagna 2.111 casi e 13 decessi

    Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus in Emilia-Romagna si sono registrati 1.169.416 casi di positività, 2.111 in più rispetto a ieri, su un totale di 12.550 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 5.065 molecolari e 7.485 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 16,8%, un valore peraltro non indicativo dell'andamento generale visto il numero di tamponi effettuati, che nei giorni festivi è inferiore rispetto agli altri giorni e soprattutto i tamponi molecolari vengono fatti prioritariamente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo.

  • Ordine medici, «quarta dose per tutti? Attendere dati scienza»

    Sulla quarta dose di vaccino anti Covid da estendere gradualmente a tutti, dopo il via libera per gli immunodepressi, “non c’è ancora un’indicazione univoca della scienza e ci sono passaggi che devono essere ancora chiariti. Dobbiamo attendere”. Così all’Adnkronos Salute il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), Filippo Anelli. “Quello che possiamo dire con certezza è che gli immunodepressi, con un’altra dose, avranno un’ulteriore protezione, importante perché se questi soggetti si ammalano hanno più rischi di ricovero rispetto agli altri. Bisogna attendere che gli studi facciano il loro corso. Quando avremo una univocità degli studi ci saranno anche le conseguenti indicazioni”. Altro elemento importante, che può cambiare le cose, “è il fatto che sono allo studio nuovi vaccini in grado di agire su tutte le varianti. Le nuove risposte dalla scienza potrebbero aiutarci a fare una scelta diversa che non sarebbe la classica quarta dose ma si tratterebbe della somministrazione di un vaccino diverso”.

  • Piemonte, 8 decessi e poco più di 2000 nuovi casi, -45 i ricoveri

    L'Unita di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.047 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, pari al 6,3% di 32.562 tamponi eseguiti, di cui 29.317 antigenici. Il totale dei casi positivi diventa 968.465, di cui 79.569 Alessandria, 44.436 Asti, 37.584 Biella, 130.237 Cuneo, 73.578 Novara, 514.461 Torino, 34.405 Vercelli, 34.477 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 4.731 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 15.017 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 49 (-1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.223 (-44 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 51.141.

  • In Fvg 640 nuovi contagi e 11 decessi

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.016 tamponi molecolari sono stati rilevati 164 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 5,43%. Sono inoltre 5.425 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 476 casi (8,77%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 19, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti risultano essere 330. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. Per quanto riguarda l’andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia più colpita è quella 40-49 anni (16.56%), seguita dalla 50-59 (15.47%) e 30-39 (12.81%).

  • Berlusconi, ora rendere meno stringenti le norme

    “Come deciso in molti Paesi europei, è arrivato anche in Italia il momento di rendere meno stringenti le norme per contrastare la diffusione del Covid, di restituire un po’ di libertà e serenità agli italiani, che hanno affrontato questa sfida difficilissima con serietà e grande spirito di sacrificio”. Lo afferma in una nota il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

  • La Germania inizia il vaccino Novavax in settimana

    Questa settimana la Germania offrirà alla sua popolazione un nuovo vaccino contro il Covid-19 a base di proteine ;;paragonabile ai tradizionali vaccini antinfluenzali, nella speranza di persuadere una consistente minoranza che rimane scettica sulla nuova tecnologia mRNA utilizzata nei vaccini più comunemente usati. Lo scrive il Guardian. Circa 1,4 milioni di dosi del vaccino Nuvaxovid, sviluppato dalla società biotecnologica statunitense Novavax arriveranno in Germania questa settimana, ha confermato il ministro della Salute del Paese, Karl Lauterbach. Un altro milione di dosi arriverà la settimana successiva. L’ordine totale del governo tedesco per l’anno 2022 è pari a 34 milioni di dosi. Il Guardian ricorda che finora il prodotto Novavax è stato utilizzato in Indonesia e nelle Filippine, sebbene lo scorso dicembre sia stato consentito l’uso nell’Unione europea. È ancora in attesa di autorizzazione negli Stati Uniti, poiché persistono alcune preoccupazioni sulla capacità produttiva dell’azienda.

  • Justin Bieber positivo al Covid, rimanda show Las Vegas

    Justin Bieber è risultato positivo al Covid ed è costretto a rimandare il suo show a Las Vegas. La nuova data sarà il 28 giugno. La tappa di Las Vegas avrebbe dovuto essere la seconda del suo ’Justice World Tour’, il quale sarebbe dovuto partire due anni fa ma cancellato a causa della pandemia. Il tour toccherà 20 paesi nel corso di 13 mesi. La prima parte si concluderà con la nuova data di Las Vegas mentre l’ultima parte, l’anno prossimo, si svolgerà in Europa con il concerto finale previsto a Cracovia in Polonia.

  • Report Altems, in Italia più di 19 mld spesi in due anni

    Due anni di pandemia, dal primo paziente italiano di Codogno a oggi, hanno determinato in Italia “una spesa di 19 miliardi di euro; 11,5 miliardi di questi legati all'incremento della spesa sanitaria delle Regioni, 4,3 miliardi per l'acquisto di dispositivi di protezione (Dpi), anticorpi monoclonali, fiale Remdesivir, gel, siringhe, tamponi, ventilatori, monitor, software, voli, (acquisti direttamente gestiti dalla struttura commissariale dell'emergenza Covid), infine 3,2 miliardi di euro per l'acquisto dei vaccini”. È la stima della spesa che ha dovuto sostenere il Paese in due anni di Covid ottenuta dagli esperti dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (Altems) della Facoltà di Economia dell'Università Cattolica, che ha elaborato un report di sintesi della risposta alla diffusione del virus, soffermandosi sui modelli istituzionali e organizzativi adottati dalle Regioni italiane. “La nostra serie settimanale viene presentata in forma diversa rispetto agli 85 report precedenti - afferma Americo Cicchetti, direttore Altems - Il presente report è stato strutturato per fornire una sintesi di quanto accaduto negli ultimi 24 mesi fornendo una lettura complessiva degli eventi e delle modalità di risposta adottate dalle Regioni, continua Cicchetti, e beneficia delle analisi effettuate negli ultimi due anni dal gruppo di lavoro grazie a tre diversi set di indicatori che corrispondono al sistema di analisi applicato alle quattro ondate dell'epidemia”.

  • Report Altems, in Italia 1 persona su 5 è stata contagiata

    In Italia “indicativamente una persona su cinque (20%) è stata contagiata” da Sars-CoV-2 “con un valore massimo registrato dalla PA di Bolzano (33,9%), una persona su tre, e un valore minimo registrato in Sardegna (9,7%), una persona su dieci”. Lo evidenzia un numero speciale del report settimanale dell'Altems, l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell'Università Cattolica, Facoltà di Economia, campus di Roma, che ha fotografato due anni di Covid-19 a partire dal primo caso in Italia. Il dato - precisa il report - non tiene conto delle reinfezioni. Inoltre si vede come “si è passati da una letalità (percentuale di vittime sul totale dei casi) del 15% (circa 1 paziente Covid-19 su 7) nella prima ondata pandemica; a una, riscontrata tra ottobre e novembre 2020, più bassa che si assestava intorno al 3%. Dall'inizio di gennaio 2022 si assiste ad un'ulteriore diminuzione nei valori di letalità grezza apparente, che la porta poco sopra l'1%”, sottolinea il report. Quanto alla mortalità (percentuale di deceduti sul totale della popolazione), “era di 4,83 per 100 mila abitanti nella prima ondata, contro una mortalità di 1,29 per 100.000 nell'ultima”, conclude il report.

  • Ordini medici, «da dicembre recuperati 40mila colleghi non vaccinati»

    “Da dicembre abbiamo ’recuperato’ 40mila colleghi che non si erano vaccinati” contro Covid-19 “e che poi lo hanno fatto. Eravamo partiti da 61mila camici bianchi inadempienti. Oggi questo numero si è ridotto a 21mila”. Lo riferisce all’Adnkronos Salute il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), Filippo Anelli. “C’è stato un gran lavoro degli Ordini - sottolinea - sul piano delle verifiche e della persuasione dal 17 dicembre”, data in cui il controllo sul rispetto dell’obbligatorietà vaccinale, prima in capo alle aziende sanitarie, è stato demandato agli Ordini professionali del territorio. “Probabilmente nella prossima settimana il numero dei non vaccinati scenderà abbondantemente sotto i 20mila”, prevede Anelli.

  • Slovenia, con calo contagi allentamento misure

    In Slovenia la curva dei contagi in costante calo ha convinto il governo ad abolire gran parte delle restrizioni anticovid. A partire da oggi, infatti, non è più richiesto di esibire sui luoghi di lavoro un certificato di avvenuta guarigione, vaccinazione o negatività al coronavirus (PCT), fatta eccezione per l’accesso all’assistenza sanitaria e sociale. Decade anche l’obbligo di auto-testarsi per gli studenti, che però dovranno ancora indossare la mascherina, misura ancora valida per tutti i luoghi pubblici al chiuso. Le attività di ristorazione e i locali notturni saranno accessibili senza limiti di capienza, e anche i vincoli sugli orari di apertura sono stati superati. Anche per queste attività rimangono in vigore le regole epidemiologiche generali che prevedono l’utilizzo delle mascherine protettive, la disinfezione delle mani, la distanza interpersonale e la ventilazione degli ambienti. A partire da oggi, inoltre, anche i test antigenici saranno a pagamento, fatti salvi i casi in cui è richiesto alle categorie lavorative escluse dall’allentamento delle misure.

  • Concorso Scuola; Tar, prove suppletive per chi in isolamento

    L’Amministrazione dovrà prevedere prove suppletive per chi, causa Covid o quarantena, non ha potuto partecipare alla procedura concorsuale straordinaria indetta dal Ministero dell’Istruzione per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno. L’ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha accolto un ricorso proposto da decine di docenti impossibilitati a partecipare nella sessione ordinaria d’esame perché collocati in isolamento fiduciario o in quarantena per l’applicazione delle misure sanitarie di prevenzione epidemiologica da Covid-19.

  • Nel Lazio 190.630 casi positivi, 148 in terapia intensiva

    Sono 190.630 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 1.683 ricoverati, 148 in terapia intensiva e 188.799 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono 840.633 e i morti 10.326 su un totale di 1.041.589 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

  • Sileri, possibile dose richiamo in autunno a fasce a rischio

    “Saranno le evidenze scientifiche a suggerirci la strada migliore: è possibile che dopo l’estate e con l’inizio della stagione fredda si possa valutare la somministrazione di una dose vaccinale di richiamo anti-Covid alle fasce della popolazione più a rischio, come ad esempio gli anziani, analogamente a quanto già avviene per altre patologie come l’influenza”. Così all’ANSA il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri.

  • Igienisti, «no a test su asintomatici»

    Garantire un tampone il più presto possibile a chi sviluppa i sintomi di Covid-19 e, “nell’ambito della gestione dei contatti in auto sorveglianza, modulare l’esecuzione del test in relazione allo stato immunitario del soggetto e alla presenza di patologie concomitanti”. Invece, non vanno testati “soggetti asintomatici guariti da meno di 120 giorni; asintomatici vaccinati con dose booster; asintomatici vaccinati con ciclo primario concluso da meno di 120 giorni”. E, in caso di “esposizione a rischio”, riservare il tampone a quanti hanno condizioni che predispongono a forme gravi di Covid-19 (diabete, obesità, broncopneumopatia cronica ostruttiva, mancanza di protezione immunitaria). Queste le nuove raccomandazioni della Società italiana d’igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti). Per gli esperti che hanno messo a punto il Position Paper, bisogna “sospendere lo screening periodico degli operatori sanitari fatti salvo i reparti ospedalieri a maggiore rischio (oncologia, neonatologia, rianimazione), e continuare invece a svolgere attività di screening sugli operatori, finalizzate al contenimento dei cluster di comunità (Rsa, strutture socioassistenziali, altre comunità che ospitano soggetti a rischio)”. E, infine, è ora di “superare l’utilizzo del tampone preventivo”, quello che si effettua per avere il Green pass.

  • In Abruzzo 647 nuovi positivi e cinque decessi, 1.877 i guariti

    Sono 647 (di età compresa tra 3 mesi e 95 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza – al netto dei riallineamenti – a 254.836. Dei positivi odierni, 339 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 5 nuovi casi (di età compresa tra 75 e 88 anni, 2 in provincia di Chieti, 1 in provincia di Teramo, 2 risalenti ai giorni scorsi e comunicati solo oggi dalle Asl) e sale a 2927. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 160141 dimessi/guariti (+1877 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 91768 (-1242 rispetto a ieri).Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità precisando che nel totale sono ricompresi anche 44321 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall'inizio dell'emergenza, sui quali sono in corso verifiche.

  • Zaia, inizia terza fase, quella della convivenza

    “Siamo entrati nella terza fase, quella di convivenza piena, riconosciamo la validità delle vaccinazioni, e dobbiamo avere ancora l’attenzione di portare la mascherina. Non siamo più quelli di prima, e il pensiero va a chi ha perso la vita e ai loro familiari. Sono tutti morti da soli, si devono vergognare quelli che banalizzano questo virus. I morti nella prima fase sono morti da soli”. Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ricordando l’inizio della pandemia, il 21 febbraio 2020. “Ringrazio le prime linee, gli operatori sanitari, i medici, i volontari, chi ha curato i nostri cittadini. I bambini sono stati il mio faro, parte di questa comunità, sono stati quelli che hanno sofferto di più a stare chiusi in casa”.

  • Israele, scendono nuove infezioni, tasso al 19,2%

    Scendono le nuove infezioni in Israele ma il Paese si avvicina alla soglia di 10mila decessi da inizio pandemia, con oltre 1.000 morti a febbraio. Secondo le statistiche del ministero della sanità, nelle ultime 24 ore i casi sono scesi a 17.658 a fronte di 92.052 test con un tasso di morbilità del 19.2%. In calo anche i malati gravi ora a 775 mentre il Fattore R resta allo 0.67. Ma febbraio è stato un mese letale a causa della pandemia: i morti solo ieri sono arrivati a 38 portando il totale - da inizio pandemia - a 9.971: un soffio dalla soglia dei 10mila. In rapporto alla mortalità febbraio - con una media giornaliera, secondo i dati di 50 vittime - è stato peggiore di gennaio quando si sono registrati 674 decessi.

  • Relazione Antiracket, «crisi alimentata da pandemia ha inciso pesantemente su imprese»

    “Nel 2021 la crisi economica, alimentata sensibilmente dalla pandemia da Covid­19, purtroppo, ancora in atto, ha messo a rischio molti e consolidati progetti di vita, incidendo pesantemente sul mondo imprenditoriale e colpendo anche attività commerciali e artigianali storiche. Nel contempo, la crisi ha consentito anche la nascita di nuove modalità imprenditoriali e l'implementazione di quelle già esistenti: si pensi, a titolo esemplificativo, al “boom” del settore dell' “e­commerce” e alla ristorazione “porta a porta”. Sono questi i modelli di impresa ai quali gli imprenditori hanno cercato di adeguarsi, spesso trovandosi anche in difficoltà per i relativi costi aziendali da sostenere”. E’ quanto si legge nella relazione annuale del Commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura. La Struttura Commissariale “ha reagito alla crisi in atto, intensificando le proprie attività istituzionali e facendo fronte alle difficoltà logistiche dovute alle contingenze grazie ad un deciso incremento delle modalità di lavoro a distanza”.

  • Figliuolo, «pronti per terza dose a vaccinati J&J dopo ok autorità»

    “Questi approfondimenti sono all’attenzione del ministero della Salute, dell’Aifa e del comitato tecnico scientifico dell’Aifa. Quando ci daranno indicazioni, noi saremo pronti per qualsiasi tipo di indicazione: l’organizzazione c’è e anche le dosi”. Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza Covid, a margine di una visita all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano i tempi della terza dose per i cittadini che hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson.

  • Grecia, multe per 300mila over 60 non vaccinati

    La Grecia ha avviato la procedura per multare 300mila cittadini sopra i 60 anni che non si sono vaccinati contro il covid-19. Dopo la trasmissione dei dati tramite il ministero della governance digitale, le prime multe saranno emesse domani, riferisce il quotidiano Kathimerini. Secondo la legge, l’obbligo di vaccinazione sopra i 60 anni è scattato dal 17 gennaio, salvo esenzioni per motivi medici. Chi non si vaccina deve pagare un’ammenda di 100 euro al mese fino a quando non accetta di immunizzarsi. Per gennaio, trattandosi di mezzo mese, la multa è di 50 euro. I 4.700 lavoratori della sanità non vaccinati oltre i 60 anni sono sospesi dal lavoro fino al 31 marzo.

  • Infrastrutture, Giovannini: risorse totali ammontano a 103 miliardi

    «Con le altre decisioni assunte dal governo negli ultimi 12 mesi, per gli investimenti in questi settori» come la rigenerazione urbana, il trasporto rapido di massa, la riqualificazione del parco mezzi, la mobilità sostenibile, «non abbiamo solo 61 miliardi, ne abbiamo 103». Lo ha indicato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili Enrico Giovannini nel corso del convegno “Italiadomani - Dialoghi sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”, spiegando che «nella legge di bilancio ci sono 36 miliardi per investimenti, 5,4 miliardi sono stati poi allocati la scorsa settimana come anticipo del fondo sviluppo e coesione». Il ministro ha sottolineato che nel fondo «ci sono 73 miliardi complessivamente per i prossimi anni».

  • 16.051 nuovi casi in India, dato più basso dell’anno

    L’India ha registrato ieri 16.051 nuovi casi di Covid 19, il dato più basso dall’inizio del 2022: lo comunicato il bollettino del ministero alla Salute, confermando il trend in continua discesa della pandemia nel Paese. L’India sta allentando in quasi tutti gli stati le restrizioni, con la vita quotidiana tornata ovunque alla normalità. Intervenendo sulla recente scoperta nel Paese della subvariante BA.2, nuova forma di Omicron, il Dr Rajeev Jayadevan, copresidente della task-force della Indian Medical Association (Ima), ha tranquillizzato affermando che la BA.2 non infetta chi ha già avuto Omicron nella variante BA.1.

  • Pnrr, Gualtieri: 120 milioni per Polo ricerca tecnologico a Roma

    «Abbiamo un progetto molto significativo che riguarda il Rome Technopole: la realizzazione di un grande polo di ricerca e trasferimento tecnologico su tre assi cruciali, cioè transizione energetica, transizione digitale, biofarmaceutica. Ora stiamo presentando il bando: 120 milioni, integrati con risorse regionali per realizzare questo strumento». Lo annuncia il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, durante l’evento “Italia Domani - Dialoghi sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma.

    Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri. (ANSA/ALESSANDRO DI MEO)


  • Fabbro (Anir): «Consentire a ristorazione collettiva di rinegoziare contratti con Pa»

    Poter rinegoziare i contratti con la pubblica amministrazione. È la richiesta che arriva da Anir Confindustria, l’associazione nazionale delle imprese della ristorazione collettiva, sempre più in difficoltà per gli effetti della pandemia e dello smart working. «Chiediamo al governo - spiega il presidente di Anir Confindustria, Massimiliano Fabbro - delle disposizioni chiare riguardo all’applicazione dell’articolo 106 del Codice degli appalti che preveda la possibilità di rinegoziare i contratti quando si riconoscono le condizioni di variazioni sostanziali. I fondi esistono perché in questo periodo le amministrazioni hanno avuto dei risparmi straordinari e quindi hanno accantonato nelle proprie voci di bilancio gli importi derivanti dalla mancata fruizione del servizio». «Ebbene, queste somme -continua Fabbro- devono essere messe a disposizione attraverso un processo dialettico e negoziale con le aziende per ristabilire quell’equilibrio che consenta un corretto servizio e il giusto interesse pubblico, in termini di qualità e di prezzo».

  • Figliuolo: casi di trombosi in bimbi non vaccinati

    «Si stanno verificando casi di problemi di trombosi in bambini non vaccinati in fase acuta di Covid. E quindi io direi che bisogna riflettere sul rapporto rischi-benefici. In questo momento il beneficio della vaccinazione va verso la vaccinazione stessa: io non sono un medico e quindi dico alle famiglie: rivolgetevi ai vostri pediatri, cercate di capire qual è l’impatto sui vostri piccoli e poi prendete la decisione che vi sembra più giusta». Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, oggi a Firenze, al termine della visita all’ospedale pediatrico Meyer.

    Il Generale Francesco Paolo Figliuolo. (ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)

  • Veneto due anni dopo, sono stati 1,3 milioni i contagiati

    A distanza di 2 anni esatti dalla prima vittima italiana del Covid, il 77enne Adriano Trevisan, di Vo’, morto all’ospedale di Schiavonia, il Veneto tira un bilancio di 1.303.219 persone rimaste contagiate dal SarsCov-2. I decessi in 24 mesi sono stati 13.726. Nel bollettino odierno della Regione i nuovi positivi sono in netta flessione, 1.800 (contro i 3.805 di ieri), i morti sono 12. Sostanzialmente stabili i dati degli ospedali: i ricoverati in area medica sono 1.192 (+2), quelli in terapia intensiva 104 (+1). In flessione i soggetti attualmente positivi, 72.238 (-1.237).

  • Dl Covid: caos in commissione Camera, esame sospeso

    Caos in commissione Affari sociali della Camera, dove è all’esame il decreto legge Covid che inserisce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Secondo quanto si apprende, anche in questa occasione, i lavori hanno seguito geometrie variabili con la Lega che ha presentato un emendamento che blocca l’utilizzo del super green pass con lo scadere dello stato di emergenza il 31 marzo. Nonostante il parere contrario del governo, il Carroccio ha votato con le opposizioni, quindi con Fdi e Alternativa. La proposta di modifica tuttavia è stata bocciata. I lavori sono stati, infatti, sospesi e riprenderanno dopo le votazioni sulla fiducia al Milleproroghe in aula a Montecitorio. Dovrebbe inoltre tenersi una riunione di maggioranza sugli emendamenti che autorizzerebbero le Parafarmacie ad effettuare i tamponi anti-Covid.

  • Vaccini: Figliuolo, da primo marzo quarta dose per i fragili

    “Per ciò che riguarda la quarta dose di vaccino anti Covid stiamo per dare le disposizioni attuative perché con il ministero della Salute e le Regioni stiamo ben individuando le platee. Ovviamente sarà abbastanza estensiva” per le categorie di persone più fragili “e la mia indicazione è quella che partiremo il primo marzo: quindi sicuramente continueremo a tenere l’organizzazione che c’è ora in atto”. Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, oggi a Firenze, al termine della visita all’ospedale pediatrico Meyer.

    Il generale Figliuolo

  • Figliuolo, questo fine settimana 1 mln dosi di Novavax

    “Per la fine di questa settimana arriverà il vaccino Novavax, ne riceveremo poco più di un milione di dosi che saranno subito distribuite a tutte le regioni e province autonome. Poi arriveranno ancora un altro paio di milioni di dosi nel mese di marzo. Per cui ci sarà possibilità anche di utilizzo di questo ulteriore vaccino”. Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, generale Francesco Figliuolo, a margine di una visita all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

  • Pnrr: da Regione Lazio 40 mln di euro per piano riorganizzazione Asl Roma 1

    L’attivazione di sette centrali operative territoriali, di 25 Case della comunità, di un ospedale di comunità e oltre 8 milioni di euro per grandi apparecchiature elettromedicali. Questo, in sintesi, il piano di riorganizzazione che sarà finanziato dalla Regione Lazio con oltre 40 milioni di euro per la Asl Roma 1, che copre 6 Municipi di Roma Capitale (Municipio 1, 2, 3, 13, 14 e 15). L'investimento fa parte del più ampio piano riorganizzativo della sanità laziale che vede impegnati 700 milioni di euro fino al 2026.

  • Vaccini: Figliuolo, ’scorta’ dosi pronta per post 31/3

    “Abbiamo delle dosi di vaccino stivate per ogni eventualità, poi dopo il 31 marzo, quando passeremo la mano, ci sono tutte le interlocuzioni con il ministero della Salute per lasciare un pacchetto pronto. Oggi cadono i due anni dal primo caso e non dobbiamo dimenticarcene, è facile fare le cicale ma quando vengono i tempi duri dobbiamo aver messo del grano da parte. Guai a non aver fatto lezione di questo periodo. Naturalmente speriamo che non accada nulla”. Lo ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, generale Francesco Paolo Figliuolo, a margine di una visita all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

  • Bundesbank, Germania in recessione nel primo trimestre

    L’economia tedesca probabilmente si contrarrà nel primo trimestre del 2022. Lo prevede la Bundesbank secondo cui la contrazione è legata alla nuova ondata di infezioni da coronavirus che ha colpito il Paese durante l’inverno. La Bundesbank, prevede anche un rimbalzo in primavera. “A differenza delle precedenti ondate pandemiche, non è solo l’attività nel settore dei servizi ad essere stata influenzata dalle misure di contenimento e dai cambiamenti comportamentali”, ha scritto la banca centrale tedesca in un rapporto mensile. Nell’ultima ondata, ha detto la banca centrale, l’assenza dal lavoro per pandemia “rischia di smorzare notevolmente l’attività economica anche in altri settori”.

    : Joachim Nagel, Membro del board della Bundesbank

  • Ocse: Pil area IV trimestre +1,2% (dopo +1,1%) ma con Europa in frenata

    Il Pil dell'area Ocse è salito dell'1,2% nel quarto trimestre del 2021 rispetto ai precedenti tre mesi, aumentando leggermente il ritmo rispetto al +1,1% del terzo trimestre, ma segnando velocità diverse nei principali Paesi. In particolare - come sottolinea l'Ocse in un comunicato - la crescita ha registrato un netto rallentamento nei maggiori Paesi europei. Nel G7 il Pil ha segnato un'accelerazione a +1,2% nel quarto trimestre da +0,9% nel terzo, trainata da Usa (+1,7% dopo +0,6%), Canada (+1,6% dopo 1,3%) e Giappone (+1,3% dopo -0,7%). Nel Vecchio Continente, invece, la Francia ha segnato una crescita del Pil dello 0,7% (dopo +3,1%), l'Italia si è fermata a +0,6% (dopo +2,6%), la Germania ha accusato una contrazione dello 0,7% dopo +1,7% e il Regno Unito ha registrato una stabilizzazione a +1%. La Ue nel suo insieme segna +0,4% dopo +2,2% e la zona euro +0,3% dopo +2,3%.

  • Assessore Lazio, per zona bianca altre 2 settimane

    “Ci vorranno ancora un paio di settimane per tornare a una situazione di assoluta normalità”, lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, al termine della presentazione dei progetti del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza nell’Asl Roma 1 rispetto al ritorno in zona bianca del Lazio.

  • Esperto Uk, ’esentare sanitari guariti da obbligo vaccino’

    “Gli operatori sanitari guariti dall’infezione naturale da Sars-CoV-2 dovrebbero essere esentati dall’obbligo di vaccinazione anti-Covid”. A sottolinearlo è un esperto del Regno Unito sulla rivista scientifica ’The Lancet Rheumatology’. Perché non solo in Italia il tema dell’obbligo vaccinale per chi ha avuto Covid fa discutere. Anche in altri Paesi europei il dibattito è acceso. Dennis G McGonagle, dell’università di Leeds, affronta la questione elencando gli studi che dimostrano la forza dell’immunità conferita dalla malattia naturale. Una riflessione, evidenzia lo specialista dell’Institute of Rheumatic and Musculoskeletal Medicine di Leeds, è necessaria poiché “molti obblighi vaccinali includono anche coloro che sono naturalmente immuni”, cioè “un’ampia quota dei sanitari per via dell’esposizione al virus sul posto di lavoro”, evidenzia l’esperto.

  • Ab-Biotics, studi positivi sull’uso dei probiotici

    Un nuovo contributo alla lotta contro il Covid-19 potrebbe arrivare dai probiotici. È quanto emerge dallo studio realizzato da AB-BIOTICS, azienda biotecnologica spagnola parte della multinazionale giapponese Kaneka, e pubblicato sulla rivista scientifica Gut Microbes. “Secondo la ricerca - spiega una nota - la formula AB21, costituita da 4 specifici ceppi probiotici, produce significativi effetti positivi nei pazienti ambulatoriali affetti da Covid-19, con benefici sul tasso di remissione, durata dei sintomi e carica virale”. Dopo la somministrazione della formula probiotica, “il 53,1% dei pazienti nel gruppo probiotico ha raggiunto la remissione completa dal Covid-19 entro 30 giorni, contro il 28,1% del gruppo placebo”. Registrato anche “un aumento degli anticorpi IgM e IgG specifici per il SARSCoV2”. “Se altri studi confermassero questi risultati conclude la nota - si potrebbero aprire nuovi scenari”.

  • Istat: Covid ha inciso su matrimoni, -47,4%

    Nel 2020 la pandemia ha indotto molte persone a rinviare o rinunciare alle nozze. I matrimoni celebrati in Italia sono stati 96.841, il 47,4% in meno rispetto al 2019. In calo soprattutto le nozze con rito religioso (-67,9%) e i primi matrimoni (-52,3%). Per i primi nove mesi del 2021 i dati provvisori indicano, rispetto allo stesso periodo del 2020, un raddoppio dei matrimoni, ma la ripresa non è sufficiente a recuperare quanto perso nell’anno precedente. Diminuiscono anche le unioni civili tra partner dello stesso sesso (-33,0%), le separazioni (-18,0%) e i divorzi (-21,9%). E’ quanto emerge dal report Istat 2020.

  • Ricciardi, probabile quarta dose in autunno per tutti

    La quarta dose per i fragili “è un inizio alla luce dell’esperienza israeliana, ma è probabile che in autunno sarà utile a tutti”. Lo sostiene in una intervista a ’La Stampa’, Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, parlando della situazione della pandemia e dei vaccini. “Lo stato di emergenza può cessare - precisa -. ma con l’accortezza di mantenere i pilastri che reggono la nostra libertà attuale”. E parlando della road map annunciata da Draghi aggiunge “i dettagli sono allo studio, ma ora è possibile un allentamento delle regole, pur mantenendo in piedi le strutture per la vaccinazione, la rivaccinazione, il Green Pass e le mascherine per i luoghi chiusi”. La fine dello stato di emergenza, ribadisce, “è una decisione politica, ma bisogna distinguere tra l’emergenza dal punto di vista legislativo, che consente decisioni rapide, e quella sanitaria. Certe strutture e pratiche straordinarie possono finire, non l’organizzazione per la vaccinazione di massa”. Secondo Ricciardi la pandemia cesserà quando lo farà in tutto il mondo: “Una buona notizia è il nuovo hub vaccinale in Sudafrica per produrre dosi per tutto il continente africano, in accordo con l’Europa”. Sul fronte della vaccinazione per i bambini che procede a rilento aggiunge: “Molti genitori non hanno chiara la pericolosità per i figli di Omicron, temendo erroneamente di più i vaccini. Poi solo la Puglia ha organizzato la vaccinazione nelle scuole agevolando le famiglie. Questa sarebbe una mossa da fare ovunque”. Infine sulla vaccinazione per gli under 5 precisa che “i primi test hanno dato buoni risultati sulla sicurezza, ma non sull’efficacia, dunque si deve ancora trovare la dose giusta per i piccoli. Questione di mesi”.

  • Agenas, intensive ferme al 10%, 10 regioni oltre soglia

    Dopo la discesa dei giorni scorsi, in Italia è ferma al 10% la percentuale di posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti con Covid-19, così come è ferma al 20% l’occupazione dei reparti di area medica non critica. Questi i dati Agenas, aggiornati al 20 febbraio e che evidenziano, per entrambi i parametri, diverse oscillazioni a livello regionale. A superare la soglia nazionale del 10% dei posti in intensiva occupati da pazienti Covid sono 10 regioni: Lazio al 16%; Calabria e Sardegna al 13%; Liguria, Marche, Sicilia e Valle d’Aosta al 12%; Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Puglia all’11%

  • Mortalità Fvg tre volte più alta di media nazionale

    Il Fvg registra il più alto numero in Italia di persone decedute su centomila abitanti con una media mobile sugli ultimi cinque giorni di 0,9 persone decedute su 100mila abitanti; la media nazionale è tre volte inferiore, 0,32. Lo scrive il quotidiano friulano Messaggero Veneto riportando anche analisi fatte dal prof.Vincenzo Della Mea, docente di Informatica medica dell’università di Udine e sottolineando che la mortalità è l’unico dato che non accenna a calare in queste settimane di flessione delle curve del Covid. Negli ultimi sette giorni, il Covid ha causato la morte di 76 persone, 6 in più rispetto alla settimana precedente.

  • Eurozona: indice Pmi manifatturiero cala a 58,4 punti a febbraio

    La lettura flash dell’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona cala a 58,4 punti a febbraio, dai 58,7 punti della rilevazione di gennaio. È quanto riporta Ihs Markit.
    Dalla lettura della stima flash, l'indice principale Pmi composito dell'Eurozona è salito a febbraio di 3,5 punti (il maggior rialzo da marzo dello scorso anno), dai 52,3 di gennaio ai 55,8 di febbraio, segnalando una forte accelerazione della crescita economica. L'ultimo valore indica il tasso più veloce di crescita della produzione da settembre dello scorso anno.


  • Remuzzi, comunità scientifica ha enormi responsabilità

    “È un rimorso che mi porterò dentro per sempre. La comunità scientifica, della quale faccio parte, ha una enorme responsabilità nel disastro di questi due anni”. Lo dice il direttore dell’istituto Mario Negri, Giuseppe Remuzzi in una intervista al ’Corriere della Sera’ parlando dei due anni di pandemia e della reazione che ebbe quando gli fu mostrato lo studio pubblicato il 24 gennaio su Lancet nel quale i colleghi cinesi che avevano studiato i pazienti infettati da un nuovo Coronavirus a Wuhan, annunciavano cosa sarebbe accaduto. “Non ci abbiamo creduto - sottolinea Remuzzi - nel giro al massimo di 72 ore avremmo dovuto dare vita a una mobilitazione, avvertire le autorità, far sentire la nostra voce, parlare con i singoli ricercatori. Invece, abbiamo perso tempo, abbiamo perso almeno quelle 4 settimane che poi furono fatali alla mia Bergamo”.

  • Circolare, guarigione sanitari non revoca sospensione, serve vaccino

    La guarigione da Covid-19 di medici e operatori sanitari, secondo la normativa vigente, “non è circostanza idonea a legittimare la revoca della sospensione” dal lavoro avvenuta per non aver assolto all’obbligo di vaccinazione. Dunque “non è elemento determinante” per l'Ordine professionale di appartenenza che deve invece “accertare lo stato di avvenuta vaccinazione del professionista”. E’ quanto chiarito da una circolare del ministero della Salute, in risposta ai dubbi della Federazione degli Ordini dei medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo). Fnomceo si era rivolta al ministero in merito ai dati dei sanitari vaccinati/non vaccinati nelle giornate del 7 e del 14 febbraio, rilevati dalla Piattaforma nazionale-Dgc, in cui erano stati inseriti anche informazioni sulle guarigioni dei professionisti, in un primo momento non presenti. E questo - si legge nella stessa circolare - aveva creato “disorientamento”. In risposta il ministero ha ribadito, dunque, che “la sospensione del sanitario è efficace fino alla comunicazione da parte dell'interessato all'Ordine del completamento del ciclo vaccinale primario e, per i professionisti che hanno completato il ciclo vaccinale primario, della somministrazione della dose di richiamo”.

    Un reparto del nuovio Ospedalefieramilano a Milano, 31 marzo 2020.ANSA/Mourad Balti Touati

  • Germania: indici pmi, crescita febbraio più forte da 6 mesi

    L’economia tedesca è cresciuta a febbraio “al ritmo più veloce degli ultimi sei mesi”, secondo gli indici Pmi di Ihs Markit, “tra segnali di miglioramenti della domanda e nonostante una nuova ondata di infezioni collegate ala variante Omicron”. L’indice flash del pmi composto sulla produzione è salito a 56,2, da 53,8 di gennaio, esibendo “la più forte crescita nel settore privato in sei mesi”, si legge nella nota di Ihs Markit. L’indice pmi dei servizi è salito da 52,2 a 56,6, al di sopra del livello di 53,1 atteso dal consensus, mentre quello manifatturiero è sceso da 59,8 a 58,5, deludendo le attese degli economisti, che si aspettano un dato stabile a 59,8.

  • Calabria: 35 mln per aiuti a imprese e lavoratori, vicepresidente Princi, ‘Regione riparte'

    “Sono 35 i milioni di euro che la Regione finalizza per un aiuto vero e concreto alle imprese e ai lavoratori maggiormente in difficoltà”. E quanto si legge in una nota dell'ufficio stampa della giunta regionale della Calabria. “Con questo spirito – si sottolinea - il Dipartimento Lavoro della Calabria, nell'ambito dell'Azione 8.6.1 dell'Asse VIII “Promozione dell'occupazione sostenibile e di qualità del Por Calabria Fesr-Fse 2014-2020”, ha pubblicato un Avviso a firma del Direttore generale Roberto Cosentino, con obiettivi specifici: favorire la permanenza al lavoro e la ricollocazione dei lavoratori coinvolti in situazioni di crisi, intervenendo a sostegno del sistema produttivo calabrese, attraverso aiuti alle imprese per la riqualificazione dei lavoratori ed il mantenimento dei livelli occupazionali, implementando azioni integrate di politiche attive e passive a seguito dell'emergenza Covid-19”.

  • Marche, 80% posti letto in intensiva occupato da non vaccinati

    Nelle strutture ospedaliere delle Marche, l’80% dei posti letto occupati in terapia intensiva è rappresentato da pazienti non vaccinati. Gli stessi occupano un 52% di posti letto nell’Area medica. Lo si apprende dal servizio sanitario regionale.

    Un'immagine del reparto di terapia intensiva all'ospedale Poliambulanza di Brescia, reparto Covid

  • Francia: indice Pmi manifatturiero sale a 57,6 punti a febbraio

    Nel mese di febbraio, la lettura flash dell’indice Pmi manifatturiero francese sale a 57,6 punti, dopo la lettura di 55,5 punti di gennaio. È il dato più alto degli ultimi sette mesi, rilevato da Ihs Markit nel suo rapporto mensile.
    Il Composite Output Index è salito a 57,4 punti a febbraio, il suo punteggio più alto dallo scorso giugno e un notevole miglioramento dal minimo di 9 mesi di gennaio di 52,7. Il miglioramento del dato principale riflette l’aumento dello slancio sia dei produttori che dei fornitori di servizi nel corso del mese, che secondo le imprese intervistate è dovuto alla maggiore domanda di beni e servizi francesi. “Il crollo di gennaio si è rivelato di breve durata, in quanto la crescita dell’attività commerciale ha subito una forte accelerazione a febbraio, raggiungendo il livello più forte dallo scorso giugno. Ora che la traiettoria di COVID-19 in Francia è in discesa, questo dovrebbe continuare a facilitare un maggiore livello di attività in entrambi i settori. In effetti, l’evidenza aneddotica del nostro panel di sondaggi suggerisce che la fiducia delle imprese sta migliorando e sostiene le condizioni della domanda”, ha commentato Joe Hayes, economista senior di IHS Markit.

  • Nelle Marche 560 positivi, 135 sintomatici

    Calano i positivi al Covid nelle Marche: sono 560 i casi registrati nelle ultime 24 ore, a fronte, però di un minor numero di tamponi processati, come accade ogni fine settimana. I tamponi eseguiti sono stati, infatti, 2.266, di cui 1.336 nel percorso diagnostico.
    Aumenta, invece, il tasso di positività, pari al 41,9% (ieri 37,4%), mentre scende ancora quello di incidenza cumulativo ogni 100mila abitanti, che si attesta a 888,30 (ieri 919,20). Lo rende noto l’Osservatorio Epidemiologico della Regione Marche. Dei 560 contagi odierni, 135 sono soggetti sintomatici; 187 contatti stretti con casi positivi e 173 contatti domestici. Ancora, 5 positivi sono stati scovati in ambienti di vita/socialità, 1 in setting lavorativo, 1 in setting assistenziale e 1 in ambito sanitario. Per 53 casi è in corso l’approfondimento epidemiologico, mentre 4 sono i casi extra regione.

  • Crisanti, «questo è il momento migliore per riaprire l’Italia»

    “La curva è in discesa perché tanti si sono vaccinati di recente e perciò questo è il miglior momento per riaprire tutto e non capisco la prudenza del governo, a meno che non vogliamo davvero che si organizzino ristoranti, scuole e palestre no vax”. Lo dice a ’Libero’ Andrea Crisanti, aggiungendo che “ormai tutti quelli che era possibile far vaccinare lo hanno fatto e il restante 5-10% non è convincibile e non penso che un Paese democratico possa marginalizzare a lungo il 10% della popolazione”. “Il contagio è calato grazie al vaccino e non alle restrizioni, che sono le stesse di 4 settimane fa, quando viaggiavamo al ritmo di 250mila nuovi positivi al giorno - prosegue - e i divieti non avevano impatto sulla pandemia. Come il Green Pass, che è servito a far immunizzare le persone ma non a impedire la trasmissione del virus. Per questo dico che tenere il certificato verde oggi è una decisione squisitamente politica e non sanitaria, giustificata dalla determinazione del Governo di tenere fino in fondo la linea, dallo choc iniziale delle bare di Bergamo e dal non voler dare la sensazione che tutto sia finito, ma non dalla curva della pandemia”.

    I dati dei vaccinati al 21 febbraio 2022


  • Corruzione: 16 arresti dei cc, anche sindaco Sabaudia

    Sedici misure cautelari, tra cui anche una destinata al sindaco di Sabaudia (domiciliari). E’il bilancio di una operazione condotta dai carabinieri del comando provinciale di Latina. Nel procedimento, che coinvolge anche amministratori, funzionari pubblici e imprenditori si contestano, a vario titolo, i reati di corruzione, peculato e falso ideologico. In base a quanto si apprende le indagini hanno riguardato anche concessioni demaniali rilasciate dal comune di Sabaudia. In corso perquisizioni e sequestri.

  • Report, 36,8 milioni le terze dosi di vaccino inoculate in Italia

    Dall’inizio della campagna vaccinale anti Covid-19 sono state somministrate complessivamente 133.199.390 dosi in Italia. Secondo il report aggiornato del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, crescono le terze dosi giunte a 36.897.193 (84,47% della platea potenzialmente oggetto di booster). Mentre le persone con almeno una dose sono pari a 49.240.310, si tratta del 91,17% della popolazione over 12. Sono 48.056.429 gli immunizzati: è pari a 88,98 la percentuale di coloro che ha completato il ciclo vaccinale. Mentre è di 50.701.844 il totale delle persone con almeno una dose sommato ai guariti da almeno sei mesi senza alcuna somministrazione (1.461.534), ovvero il 93,88% della popolazione over 12.

    Vaccini in tempo reale

  • AstraZeneca: buoni risultati da antitumorale Enhertu per alcuni tipi di cancro al seno

    AstraZeneca ha riportato i dati di uno studio clinico in fase avanzata che ha mostrato che il suo farmaco Enhertu aiuta i pazienti con alcuni tipi di cancro al seno a vivere più a lungo.Il farmaco ha aumentato i tassi di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma mammario non resecabile e metastatico a basso HER2, ha affermato il produttore di farmaci britannico.
    Enhertu è l’ultima generazione di una famiglia di trattamenti che attaccano i tumori portatori della proteina legata al cancro chiamata HER2. Nel 2019, AstraZeneca ha deciso di concludere un accordo con la giapponese Daiichi Sankyo Co. del valore di 6,9 miliardi di dollariper la produzione del farmaco. L’azienda sta valutando il suo potenziale nel trattamento anche di tumori gastrici, polmonari, del colon-retto e di altro tipo.

  • Usura a imprenditori in difficoltà per pandemia, 5 arresti

    Cinque persone sono state arrestate dai carabinieri della Compagnia di Sellia Marina (Catanzaro) con l’accusa di avere sottoposto ad usura alcuni imprenditori che si trovavano in difficoltà a causa delle conseguenze della pandemia sulla loro attività. L’indagine che ha portato agli arresti ha preso spunto dalla denuncia presentata nel febbraio del 2020 da una delle persone sottoposte ad usura, con problemi economici provocati dall’incidenza del Covid, che aveva riferito di avere ricevuto un prestito con un tasso di interesse mensile pari al 13,75% dell’importo finanziato.

  • Australia riapre le frontiere dopo due anni

    L’Australia ha riaperto le sue frontiere internazionali per la prima volta dopo due anni. Canberra aveva imposto rigide restrizioni nel marzo del 2020 per contenere la diffusione della pandemia da coronavirus, chiudendo ad esempio i suoi confini ai visitatori internazionali. Dalla fine dello scorso anno sono stati autorizzati a recarsi in Australia i cittadini australiani e pochi altri, ma la maggior parte dei visitatori stranieri hanno dovuto attendere. La normativa australiana prevede che chi ha ricevuto due dosi del vaccino contro il coronavirus non debba rispettare un periodo di quarantena, mentre i non vaccinati dovranno auto isolarsi per 14 giorni a proprie spese.

    Riapertura delle frontiere in Australia

  • Migranti, 35 positivi a Pozzallo su nave quarantena

    «Si sono concluse nella serata di ieri tutte le operazioni di sbarco dei migranti della Ocean Viking e del veliero, approdati l’altro ieri sera nel porto di Pozzallo. I minori non accompagnati sono stati ospitati in parte nell’hotspot di Pozzallo e i rimanenti presso la struttura di contrada Cifali a Ragusa. Dei 338 migranti, 35 sono risultati positivi al Covid e imbarcati nella nave quarantena Azzurra già partita da Pozzallo». Lo rende noto il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna.

  • In Corea del Sud oltre 100mila casi, mai così tanti da inizio pandemia

    In Corea del Sud sono stati registrati più di 100mila contagi di coronavirus in un solo giorno, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Lo riferiscono le autorità sanitarie locali citando i dati di venerdì e riferendo di 109.831 casi. I contagi in salita non frenano i piani delle autorità di allentare le restrizioni, tra i quali un aumento degli orari di apertura di bar e ristoranti.

  • Incidente al largo delle coste australiane: nave militare cinese punta laser contro aereo

    Il primo ministro australiano Scott Morrison ha chiesto una «indagine completa» da parte delle autorità di Pechino in seguito a un incidente avvenuto giovedì scorso, e considerato dagli australiani un «atto pericoloso e sconsiderato».
    Questa l’accusa: una nave della marina cinese, che si trovava all’interno della zona di mare economica esclusiva dell’Australia, ha puntato un laser contro un P-8A Poseidon, aereo militare australiano in volo sopra le coste settentrionale del Paese, illuminando l’aereo e mettendo potenzialmente in pericolo vite umane. Il Dipartimento della Difesa australiano ha rilasciato alcune fotografie di due navi cinesi che navigano vicino alla costa settentrionale dell’Australia.

    Una delle foto rilasciate dal Dipartimento della Difesa australiano, che mostra una nave militare cinese a pochi metri dalla costa. (Australian Defence Department)


  • Germania, 73.867 nuovi contagi e 22 vittime

    L’ultimo bollettino sulla pandemia in Germania, realizzato come di consueto dal Robert Koch Institute, certifica che nelle 24 ore i casi di coronavirus sono stati 73.867. con 22 vittime. Il totale di contagi dall’inizio della pandemia è stato di 13.636.993, con 121.297 decessi

  • Pechino 2022: nessun caso di covid nelle ultime 24 ore

    Nelle ultime 24 ore non è stato registrato nessun caso di coronavirus legato ai Giochi di Pechino 2022, che si sono conclusi ieri con la cerimonia di chiusura. Agli arrivi all’aeroporto sono state testate 36 persone, all’interno della bolla olimpica sono stati effettuati 65.014 tamponi pcr, che hanno dato tutti esito negativo. Il totale dei casi, dal 23 gennaio in avanti, resta così fermo a 437.

  • Il bollettino di domenica 20 febbraio

    In Italia si registrano, il 20 febbraio, altri 42.081 contagi da Covid-19 e 141 decessi da coronavirus.

    L’articolo completo

    Coronavirus, per saperne di più

    Le mappe in tempo reale

    L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
    Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

    Gli approfondimenti

    La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

    La newsletter sul Coronavirus

    Appuntamento mensile con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti