House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

Trasformiamo le giunte comunali in Cda leggeri

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 maggio 2010 alle ore 08:18.

di Mauro Bonaretti e Renato Ruffini La crisi della politica di questi anni è più che mai evidente. Si producono norme in continuazione, spesso contraddittorie, e fenomeni di corruzione appaiono sempre più frequenti. Per affrontare il problema è forse il caso di avviare riforme amministrative limitate ma efficaci, a partire dagli enti più importanti per i cittadini, regioni ed enti locali, per riqualificare anche la politica.
Si discuterà a breve di codice delle Autonomie locali. Ci sarebbe una riforma semplicissima da fare per professionalizzare e qualificare chi (politico o dirigente) nelle amministrazioni opera. Basta prevedere di:
a) trasformare le giunte in organi collegiali ristretti i cui componenti non abbiano deleghe specifiche, configurando una sorta di Cda o comitato di indirizzo;
b) potenziare alcune figure dirigenziali, facendo sì che collaborino con il sindaco attraverso la formalizzazione di mandati fiduciari per l'attuazione delle politiche e assicurando la loro selezione secondo modalità trasparenti e basate sui requisiti professionali;
c) nominare la rimanente parte dei dirigenti solo per concorso pubblico.
Proviamo con un esempio a spiegare la proposta. Se voi foste un imprenditore con una quota azionaria sopra il 51% accettereste di avere un Cda composto solo da persone nominate dai vostri soci, che hanno quote inferiori alla vostra, e che magari sono del tutto ignari dei processi operativi che si svolgono nella vostra azienda? E già che li avete, dareste a tutti deleghe operative sui business strategici senza attribuire loro nessuna responsabilità amministrativa rispetto alle decisioni che prendono?
Probabilmente no, perché in queste condizioni il governo e il controllo dell'azienda sarebbe impossibile e si correrebbero molti rischi sia operativi sia di legalità, come dimostra la cronaca di questi giorni.
Allora perché mai un sindaco o un presidente deve attribuire deleghe operative agli assessori? Gli assessori sono indicati al sindaco dai partiti della maggioranza, e hanno una totale influenza sulle decisioni della dirigenza. Qualcuno potrebbe pensare: «È la democrazia». In in realtà la logica assessorile è figlia della degenerazione partitocratica della democrazia; nella prima repubblica, almeno, gli assessori avevano spesso una preparazione che oggi si è in larga parte persa.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Comitato Esecutivo | Renato Ruffini La | Struttura delle società

 

Ne deriva che l'assessore tende a divenire un soggetto "centrifugo" rispetto alla produzione di equilibrate politiche e strategie amministrative. È concentrato solo sulla propria delega, cerca visibilità, spesso usa strumentalmente banali questioni amministrative facendole diventare «questione politica». Ovviamente ci sono spesso assessori molto bravi e rispettosi delle distinzioni dei ruoli, ma le dinamiche istituzionali mettono in crisi anche i migliori o comunque lasciano alla buona volontà dei singoli la correttezza dei comportamenti Ancora oggi siamo ancora un paese dove la politica continua a interferire nella gestione e dove ancora non si è affermata una classe dirigente professionale e autonoma.
Il problema di fondo è che oggi non possiamo probabilmente più permetterci gli assessori così come sono, e neppure dirigenti ben pagati chiamati a fare un lavoro meramente esecutivo: i primi devono concentrarsi sulle strategie, e non inventarsi ruoli che non sono istituzionalmente chiamati a coprire; i secondi devono assumersi le responsabilità decisionali per le quali sono pagati.
Non è tanto il demagogico problema dello stipendio di assessori e dirigenti, quanto del loro rendimento in un sistema amministrativo sempre più complesso. Tutto ciò conviene a cittadini e ai politici, e vale la pena su questo tema proporre emendamenti al codice delle Autonomie locali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da