House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

Alfano: «Gli stranieri scontino la pena nei paesi d'origine»

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 maggio 2010 alle ore 16:33.
L'ultima modifica è del 19 maggio 2010 alle ore 14:27.

Gli stranieri dovranno scontare la pena nei paesi d'origine. Il guardasigilli Angelino Alfano, intervenendo alla cerimonia per i 193 anni della polizia penitenziaria, ha sottolineato che il governo ha tra i suoi obiettivi nella politica carceraria «quello di ottenere il trasferimento dei detenuti nei loro paesi d'origine per l'espiazione della pena».

Il ministro ha anche ricordato che il parlamento europeo, su iniziativa italiana, ha approvato nel novembre scorso una risoluzione che getta le basi per il finanziamento delle nuove carceri da parte dell'Unione europea in quei paesi nei quali il sovraffollamento è determinato anche dalla massiccia presenza di detenuti stranieri.

Il carcere non deve essere un'accademia del crimine. Il carcere, ha detto Alfano, «non è più, e non deve assolutamente tornare a essere, un'accademia del crimine». Fondamentale, poi, «che all'interno del carcere non sia consentito a nessuno di affermare, con intollerabili privilegi o sopraffazioni, il proprio rango criminale. All'interno degli istituti penitenziari devono essere riconosciuti i soli valori che reggono la nostra democrazia».

Creati oltre 2mila nuovi posti dietro le sbarre. Il ministro della Giustizia ha anche sottolineato che «nel periodo che va dal giugno 2008 ad oggi, attraverso la ristrutturazione di padiglioni preesistenti e l'edificazione di nuovi, sono stati creati 2.223 nuovi posti detentivi» e che è in corso di attuazione il piano carceri.

La prima finalità del carcere è la rieducazione. Alfano ha ricordato che «la finalità rieducativa» della detenzione in carcere «è talmente importante da essere scolpita a chiare lettere nella nostra carta costituzionale». La polizia penitenziari, ha detto Alfano, è «presidio di diritto dentro le mura carcerarie» ed è «costantemente impegnata al fianco delle strutture antimafia, giudiziarie e di polizia, per garantire la corretta e rigorosa applicazione del regime speciale previsto dall'articolo 41-bis dell'ordinamento penitenziario, che contribuisce a smantellare» le consorterie che si creano in carcere, ponendo una netta separazione tra i boss detenuti e gli affiliati ancora presenti sul territorio. (N.Co.)

Tags Correlati: Angelino Alfano |

 

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da