House Ad
House Ad
 

Economia Politica economica

Berlusconi: no scontato alla Tobin tax

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 27 giugno 2010 alle ore 08:01.

Un'Italia che sta uscendo dal tunnel della crisi, che guarda con ottimismo al futuro e che, messa in minoranza in Europa sul prelievo fiscale per le transazioni finanziarie, si riprende una rivincita nel G20 così come accadde per i cambiamenti climatici a Copenaghen. Chiarisce subito il premier italiano, Silvio Berlusconi, aprendo la conferenza stampa finale del G8, che in Canada si parla solo dei temi del vertice. Nessuna incursione sulla politica interna, nessun commento alle «piccole questioni nazionali». Anche il nuovo scontro con il Quirinale sul legittimo impedimento a Brancher è da considerare una «piccola questione»? gli domandano. «Sì, anche quella» risponde, liquidando come «fantasiose» tutte le ricostruzioni fatte finora.

Berlusconi snocciola le decisioni prese, difende il formato del G8, l'unico che può garantire un colloquio efficace tra i leader di pochi Paesi che condividono gli stessi valori di libertà e di democrazia e che vivrà anche l'anno prossimo a Nizza, con la Francia che presiederà anche il G20. Rende omaggio alla presidenza canadese, che è riuscita a far approvare un piano da 5 miliardi per ridurre la mortalità delle donne per parto e dei bambini sotto i cinque anni nei Paesi in via di sviluppo, così come l'Italia aveva varato all'Aquila il piano per la sicurezza alimentare da 22 miliardi di dollari in tre anni (428 milioni dall'Italia, di cui 190 già versati).

Ma è sulla questione delle transazioni finanziarie che al "cavaliere" cominciano a brillare gli occhi, perché pregusta già un'altra vittoria come quella al vertice di Copenaghen dove la nostra posizione, minoritaria in Europa, risultò poi quella di maggior buon senso in un foro di dialogo più ampio. «Andiamo al G20 - dice – ma appare quasi scontato che non ci sarà nessuna decisione sulla tassazione delle transazioni finanziarie, che il nostro veto aveva impedito fosse approvata dall'ultimo Consiglio europeo». Secondo Berlusconi si potrebbe anche parlare di una tassazione globale, ma «se alcuni Paesi restassero esenti da questa, è chiaro che attirerebbero tutte le transazioni finanziarie. E quindi è una cosa che non è possibile, né conveniente fare». La Tobin tax, aggiunge il premier, non va confusa poi con la tassazione sulle banche per contribuire al costo della crisi finanziaria. «Solo la Repubblica Ceca si è detta contraria a questa tassa, ma ogni stato membro si regolerà come meglio crede», spiega Berlusconi, facendo notare che «il sistema bancario italiano ha risentito meno degli altri della crisi anche per l'alta propensione al risparmio degli italiani».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Consiglio Europeo | Francia | Italia | Medio Oriente | Politica | Silvio Berlusconi | Stati Membri |

 

Sul futuro dell'Italia, il premier lancia messaggi rassicuranti. «La nostra situazione è francamente migliore di quella degli altri Paesi – dice – perché di fronte alla crescita dello 0,1-0,2% degli altri Paesi europei noi siamo cresciuti dello 0,5% nei primi mesi dell'anno e poi ho incontrato recentemente centinaia di imprenditori e ho potuto verificare un clima di ottimismo e fiducia come non c'era nell'anno passato».

Per la politica internazionale, l'Italia condivide con gli altri Paesi del G8 le preoccupazioni sul nucleare iraniano, anche perché vi è il rischio «di una reazione anticipata di Israele che tutti ritengono probabile». Per la crisi in Medio Oriente, poi, «ci sono speranze che entro due mesi possano avviarsi negoziati diretti». E anche la Lega Araba ha manifestato la sua volontà di sostenerli.

Shopping24

Da non perdere

Per l'Italia la carta del mondo

Mentre la crisi reale morde più crudelmente, mentre i mercati finanziari saggiano possibili

In Europa la carta «interna»

Batti e ribatti sui nudi sacrifici degli altri, sull'algido rigore senza paracadute e prima o poi

La commedia di Bruxelles

Al Parlamento europeo è andato in scena il terzo atto di una commedia dal titolo: Regole per le

Guarguaglini: ecco le mie verità

«Ho sempre detto che ero innocente, le conclusioni delle indagini lo dimostrano: nell'archiviazione

Una redistribuzione di buon senso

Arrivano dal ministero della Giustizia le nuove piante organiche dei tribunali. Un intervento

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da