House Ad
House Ad
 

Notizie Europa

Basilea 3 fa esplodere il rischio controparte

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 28 luglio 2010 alle ore 08:10.


Sarebbe come tuffarsi in piscina con il costume pieno di piombo. Gli accordi di Basilea 3 potrebbero infatti moltiplicare fino a un massimo di diciannove volte la quantità di capitale che le banche italiane dovranno mettere da parte per far fronte al cosiddetto rischio di controparte. E non si tratta di stime teoriche: questi numeri, elaborati per «Il Sole 24 Ore» da Deloitte, sono quelli utilizzati da alcuni istituti di credito italiani per rispondere a Bankitalia sull'impatto di Basilea 3. Ebbene: se la riforma passasse nella bozza attuale, le banche italiane rischiano di dover mettere da parte molto più capitale rispetto ad ora. Fino a diciannove volte di più. Il che avrebbe un significato solo: crediti più costosi per le imprese e le famiglie.
Gli accordi di Basilea sono quelli che stabiliscono quanto capitale ogni banca debba avere per far fronte ai rischi che corre con ogni sua attività. Dato che erogare crediti o comprare titoli rappresenta un rischio, Basilea obbliga le banche a mettere da parte un po' di capitale per ogni attività che svolgono. Il problema è: quanto capitale serve per rendere le banche stabili, senza tarpare loro le ali del credito? Le tre versioni di Basilea hanno dato negli ultimi 30 anni risposte diverse a questa domanda: si è passati dal metodo standardizzato di Basilea 1 a quello molto più flessibile di Basilea 2. Ma la crisi finanziaria ha fatto capire che non bastava. E così è nata l'idea di stringere i cordoni con Basilea 3.
A febbraio è stato avviato il «Quantitative Impact study»: una sorta di questionario che i vari istituti di credito hanno compilato per stimare l'impatto della riforma. Ad aprile le risposte sono arrivate a Bankitalia ed entro ottobre il Comitato di Basilea pubblicherà i risultati. Ma «Il Sole 24 Ore» è in grado di anticipare alcune indicazioni relative al solo rischio di controparte. La banca che oggi utilizza il modello standard di Basilea 2 e mette da parte 100 milioni di capitale, domani potrebbe dover aumentare la dotazione da un minimo di 123 milioni fino a un massimo di 935 milioni. Questa banca passando al modello avanzato (il che significa effettuare investimenti cospicui) potrebbe invece "risparmiare" solo 15 milioni nella migliore delle ipotesi. Chi invece adotta già oggi il modello avanzato di Basilea 2, dovrebbe nella migliore delle ipotesi quasi raddoppiare il capitale messo da parte per i rischi di controparte. Nella peggiore potrebbe moltiplicare addirittura per 19 volte il capitale. È vero che questi dati sono riferiti al solo rischio di controparte (che rappresenta una minima parte del totale), ma sono significativi. Anche perché – secondo Deloitte – anche sul rischio di mercato l'aumento sarà di 4-5 volte rispetto ai livelli attuali.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Banca d'Italia | Comitato di Basilea | Credito alle imprese | Innanzitutto Basilea 3 | Paolo Gianturco

 

Con questi numeri si possono tirare le prime somme. Innanzitutto Basilea 3 raggiunge il paradosso che il passaggio dal metodo standard a quello avanzato diventa meno conveniente: dunque le banche sono meno incentivate ad investire su questo settore. Inoltre se dovessero passare alcune interpretazioni peggiorative, l'aumento di capitale potrebbe essere veramente rilevante. E questo potrebbe trasformarsi in un boomerang: sull'altare della maggiore stabilità bancaria si rischia di sacrificare l'erogazione del credito. «Queste prime analisi – commenta Paolo Gianturco, partner di Deloitte Consulting – rafforzano la convinzione che queste regole debbano essere ripensate, al fine di trovare il giusto equilibrio tra rafforzamento del sistema bancario e redditività della singola banca. Soprattutto per quelle virtuose, che intendono investire sui modelli sofisticati».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da