Il Sole 24 Ore
Stampa l'articolo Chiudi

12 settembre 2010

Le Frecce tricolori vetrina hi-tech per il made in Italy

di Barbara Ganz


Applausi per la pattuglia della Croazia, alla sua prima esibizione in Italia, e per quella francese, comandata da una donna pilota 31enne (buon auspicio per le 700 rappresentanti dell'Aeronautica militare italiana). Grande attesa per le Red Arrows inglesi in programma a Rivolto, Udine, dove ieri è iniziata la due giorni di celebrazioni per i 50 anni della Pattuglia acrobatica nazionale.

Doveva essere il primo week end tranquillo sulla rete di Autovie venete, dopo gli esodi estivi, ma le lunghe code – peraltro previste – fin dalla mattinata all'uscita di Latisana hanno dato la misura della partecipazione all'evento, che partiva con 500mila presenze stimate (150mila quelle registrate ieri secondo i dati dell'Aeronautica militare). Due i maxiposteggi allestiti per auto e camper, 23 i treni straordinari organizzati da Trenitalia con la regione Friuli-Venezia Giulia.

Definite dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano «simboli di unità e indivisibilità del Paese», le Frecce tricolori si sono esibite disegnando nell'aria le figure più conosciute, dal cuore al tonneaux, e anche un numero dieci – per ricordare la decima giornata del volo –, un'evoluzione meno frequente, ma in voga fin dagli anni Trenta.

Simbolo del made in Italy, con la celebrazione dell'anniversario la pattuglia acrobatica ha di fatto creato anche una vetrina per le industrie nazionali mobilitate per l'occasione. Dagli impianti elettrici e idraulici alle tensostrutture, dai servizi di pulizia su grandi superfici alle pareti fonoassorbenti, dai metaldetector alle forniture di materiale informatico, e ancora cancelleria, arredi per i box, forniture enogastronomiche e gruppi elettrogeni: almeno una novantina di imprese ha ruotato attorno allo spettacolo e alle manifestazioni collaterali.

Alfa Romeo, in qualità di sponsor, ha messo a disposizione una flotta di vetture per i trasferimenti delle autorità e degli equipaggi; Finmeccanica (che con la società Alenia Aermacchi produce gli MB-339Pan protagonisti in volo), ha curato una mostra dei velivoli storici delle forze armate italiane. Fastweb, partner tecnico delle celebrazioni, ha fornito gli accessi internet a fibra ottica fino a 100 Mbps per piloti e staff.

In prima fila le aziende del Nord-Est: Calligaris Spa, maison friulana dell'arredo, ha provveduto ad allestire le aree di accoglienza equipaggi, briefing, relax e sala stampa (mille i giornalisti accreditati), mentre Minerva di Gorizia, società da 30 anni ai vertici nei servizi alberghieri e ospedalieri, è stata scelta come partner delle due giornate. Fra le sponsorizzazioni anche quella firmata dalla Arrex Le cucine di Udine, che ha allestito uno chalet per l'accoglienza.

L'organizzazione ha coinvolto oltre 1.500 uomini e donne dell'Aeronautica militare, oltre mille agenti delle forze dell'ordine, circa 360 operatori del 118 di Udine e della Croce rossa italiana, 1.100 uomini e donne della protezione civile.


12 settembre 2010