Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 giugno 2011 alle ore 20:15.

My24
Carelli lascia la direzione di Sky Tg24. Al suo posto Sarah Varetto, per lei apprezzamenti bipartisan (Ansa)Carelli lascia la direzione di Sky Tg24. Al suo posto Sarah Varetto, per lei apprezzamenti bipartisan (Ansa)

Per la redazione di Sky Tg 24 quella di oggi non è certo una giornata qualunque. Emilio Carelli, direttore da otto anni, colui che ha inventato (giornalisticamente parlando) la macchina del tg diventato nel corso di questi anni uno dei più autorevoli in Italia, se ne va. Al suo saluto, che coincide con l'ufficializzazione del nuovo incarico per Sarah Varetto (direttore dal 4 luglio), qualcuno si commuove.

Eppure di un suo addio alla direzione del canale all news si parlava da tempo. Già due anni fa si diceva che per il suo posto fosse pronto Enrico Mentana, voluto fortemente da Rupert Murdoch. Fu Tom Mockridge allora a smentire e poi, un anno dopo, Mentana andò a dirigere il Tg a La 7.
Carelli, in questi anni con Sky Tg 24 ha combattuto diverse battaglie, da quelle contro l'aumento dell'Iva per gli abbonati delle pay Tv, a quella sul Ddl intercettazioni. E Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia, sembra dargliene atto quano lo ringrazia «calorosamente per lo straordinario lavoro svolto». «Se Sky Tg24 - dice Mockridge - è ormai unanimemente considerato il più indipendente, completo, tempestivo e autorevole mezzo di informazione televisiva in Italia, il merito è del lavoro eccellente fatto da Emilio con la sua squadra».

Carelli non lascia Sky, tornerà in onda con una striscia quotidiana serale di approfondimento, un talk show sulla politica. A sua volta ringrazia l'ad, ma soprattutto la squadra di Sky. E a Sarah Varetto augura buon lavoro. Direttore tra i più longevi alla guida di un tg, più di lui ha fatto solo Enrico Mentana (al Tg5 dalla fondazione nel '92 fino al 2004), a Sky Tg24 è rimasto otto anni, dalla fondazione a oggi (anzi, al 4 luglio). Otto anni alla guida di un canale che produce 39 edizioni di telegiornali ogni giorno, con 141 giornalisti e 294 tra tecnici di produzione e registi, non sono certo una passeggiata. Otto anni nei quali Sky Tg 24 è passata dal milione di spettatori al giorno del 2004 agli oltre 4 milioni di marzo nel 2011, con una macchina che conta 11 mezzi satellitari per la diretta, 3 studi nella sede centrale di via Salaria e uno nel cuore di Roma, più le 10 sedi regionali e quelle di corrispondenza. Otto anni nei quali non sono mancati momenti di tensione tra la redazione e l'azienda. L'ultimo, il più duro, si è chiuso poche settimane fa. Un confronto nel quale anche Carelli ha avuto un ruolo importante, conclusosi con l'assunzione di 13 giornalisti precari (dal primo luglio) e l'impegno di stabilizzazione per altri 7 nei prossimi anni.

«Emilio Carelli in tutti questi anni è stato un uomo, oltre che un direttore, leale», dice Roberto Inciocchi membro del Cdr attuale e di quello precedente. Insomma un direttore che ha avuto un ruolo decisivo anche nella trattativa tra giornalisti e azienda. Che siano stati anni duri nessuno lo nasconde, ma i risultati raggiunti sono una soddisfazione condivisa.
La soluzione interna per la sostituzione è giudicata positiva dal comitato di redazione. «Carelli ha fatto un miracolo a Sky», dice Franco Siddi, segretario della Federazione nazionale della stampa, il sindacato dei giornalisti. Siddi auspica che si tratti di un «ricambio fisiologico, che preluda a un rafforzamento dell'area all news, nello spirito che ha portato SkyTg24 a diventare il telegiornale autorevole che oggi è».

A livello politico la nomina di Sarah Varetto, giornalista apprezzata per professionalità e competenza, raccoglie consensi bipartisan.
Per Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd in Senato, la sua nomina «è una buona notizia anche per tutte le donne italiane, in una società in cui il valore femminile è ancora troppo spesso poco riconosciuto». Anche la deputata Pdl, Lella Golfo, la considera «una splendida notizia e un incoraggiamento per le tante e competenti professioniste dell'informazione italiana». Gianfranco Rotondi, ministro per l'attuazione del programma la giudica «una scelta di prestigio». Con questa nomina, dice Roberto Rao, capogruppo Udc in Commissione di vigilanza Rai «l'azienda compie un passo in avanti sotto il profilo della valorizzazione della professionalità e del merito». Anche la Cgil plaude, perché «fa piacere sapere che chi si è occupata con tanta attenzione dei temi del lavoro abbia avuto oggi un così importante riconoscimento professionale».

Lei ringrazia sia Mockridge sia Carelli e dice di aver «accettato questo nuovo incarico con entusiasmo e un po' di emozione». Poi precisa di avvertire «la necessità e la responsabilità di confermare e rafforzare questi risultati che sono il frutto del lavoro e dell'impegno di tutta la redazione: colleghi che conosco e apprezzo da molti anni». Varetto, caporedattore e responsabile della redazione economica, ha alle spalle vent'anni di televisione e fa parte della redazione di Sky Tg24 fin dalla sua fondazione. In questi anni, dice Mockridge «ha mostrato grandi doti di competenza giornalistica e manageriale, contribuendo al successo e al posizionamento del nostro canale di informazione sui temi di business, che molto interessano i nostri telespettatori».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi