Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 ottobre 2011 alle ore 13:09.

My24
Il ministro della Difesa britannico Liam Fox (Ap)Il ministro della Difesa britannico Liam Fox (Ap)

LONDRA - Ieri le scuse del ministro, oggi l'interrogatorio del suo amico. La commissione di inchiesta incaricata di indagare sull'amicizia tra il ministro della Difesa britannico Liam Fox e Adam Werritty gli «fará tutte le domande alle quali la gente vuole una risposta e scoprirá tutti i fatti», ha assicurato Downing Street.

La rapiditá con cui procede l'inchiesta e il fatto che l'ufficio del premier ne ha preso le redini dimostra la determinazione di David Cameron di fare luce al piú presto sulla vicenda per evitare il danno politico di uno scandalo prolungato con nuove rivelazioni quotidiane su uno degli politici piú in vista del partito conservatore. «È chiaro che Liam Fox ha commesso gravi errori, come ha ammesso lui stesso, nel permettere che le sue responsabilità professionali si mischiassero alle sue lealtà personali, e questo chiaramente ha sollevato dubbi su comportamenti scorretti e su potenziali conflitti di interesse», ha dichiarato Downing Street in un comunicato.

La prima domanda che verrá fatta oggi a Werritty al Cabinet Officeè perché il vecchio amico e testimone di nozze di Fox, senza un incarico ufficiale e senza il via libera dei servizi di sicurezza, abbia partecipato a ben 18 viaggi di lavoro all'estero con il ministro e sia stato presente a incontri di alto livello con politici e uomini d'affari durante i quali sono state discusse redditizie commesse del ministero della Difesa. È stato confermato ieri che Werritty, oltre ad andare a trovare Fox oltre venti volte nel suo ufficio al ministero, è anche stato con lui tra l'altro a Dubai, Washington, Singapore, Florida, Australia, Bahrain e Sri Lanka.

Un'altra domanda riguarda il reddito di Werritty, un "consulente" nel settore della Difesa che, secondo le indagini fatte dal Times, nell'ultimo anno ha dichiarato di avere guadagnato ventimila sterline, una cifra, sottolinea il giornale, a malapena sufficiente a pagare i biglietti di aereo per seguire Fox nei suoi viaggi in giro per il mondo. La terza domanda quindi riguarda il ruolo di Werritty e se abbia mai tratto beneficio dai suoi stretti rapporti con il ministro, cosa che Fox ieri ha strenuamente negato in Parlamento. È emerso peró che quando Fox era ministro-ombra della Sanitá, Werritty si presentava come consulente nel settore della Sanitá mentre quando è diventato titolare della Difesa il suo amico si è fatto stampare biglietti da visita che lo presentavano come "consulente del ministro della Difesa".

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi