Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 29 maggio 2012 alle ore 11:08.

My24

L'amichevole Italia-Lussemburgo, in programma stasera alle 20.45 allo stadio Tardini di Parma, non si giocherà. La gara è stata rinviata a causa delle violente e ripetute scosse di terremoto che, dalla mattinata, stanno interessando tutto il nord Italia e in particolare l'Emilia. La decisione di non far disputare l'incontro è stata presa dalla Federcalcio d'intesa con Prefettura, Comune e Provincia di Parma.

Sugli Azzurri l'ombra di Scommessopoli
«Questa è peggio del 2006: allora la polizia non era entrata a Coverciano. E poi ci sono gli arresti, con tanti amici, tanti ex compagni che conosco: e la paura è che dietro tutto questo, dietro la speranza che dimostrino di essere innocenti, ci sia della verità». Da casa Italia parla Daniele De Rossi, uno dei più autorevoli rappresentanti del calcio declinato in azzurro. «È peggio del 2006», dice il centrocampista della Roma alla vigilia della spedizione in Polonia e Ucraina per gli Europei 2012. Sono passati sei anni, ma sembra che il tempo si sia fermato.

Allora era Calciopoli, oggi è Scommessopoli. Allora, l'Italia si giocò il Mondiale sotto il fuoco incrociato di stampa e magistratura, in un'atmosfera al limite del tollerabile. Oggi è forse peggio. Perché gli inquirenti hanno fatto visita al raduno degli azzurri a Coverciano per consegnare un avviso di garanzia a Domenico Criscito e lasciando intendere che anche Leonardo Bonucci potrebbe a breve essere coinvolto a pieno titolo nell'inchiesta.

Rispetto alle notizie diffuse nelle prime fasi dell'operazione, nell'elenco dei giocatori interessati a vario titolo dalle decisioni della Procura di Cremona si sono aggiunti altri nomi di primo piano del calcio italiano. Come Christian Vieri, che risulta iscritto nel registro degli indagati per Inter-Lecce del 20 marzo 2011, e Giuseppe Sculli, che con Criscito avrebbe partecipato a una cena con un pregiudicato bosniaco e due ultrà del Genoa per "accomodare" alcune gare dei rossoblù. Vieri, Sculli, Milanetto, Mauri, Criscito, Conte, Bonucci. Come annunciato da settimane, Last Bet ha cominciato a colpire pesantemente anche la serie A.

Malgrado tutto, il calcio va avanti. Stasera (ore 20,45, diretta Rai1) l'Italia sarebbe dovuta scende in campo al Tardini di Parma contro il Lussembrugo per un'amichevole prevista da tempo lungo la strada che porta agli Europei. Ci sarebbe stato anche Bonucci, che Prandelli considera tra i titolari inamovibili della difesa azzurra. «Ci ho parlato, non risulta nulla su di lui, ha già fatto la deposizione e quindi siamo relativamente tranquilli. Se starà bene, sarà sicuramente nei 23», ha detto il tecnico ieri nel corso della conferenza stampa.

Nel 2006, lo spogliatoio azzurro fece quadrato e ottenne un risultato straordinario con la forza dei nervi e della determinazione. Ma Prandelli non crede che le cose si possano ripetere, almeno non con le stesse dinamiche. Il ct dell'Italia: «Dal male arriva solo il male e alla cattiveria non c'è mai fine. Ma non c'è nessun danno d'immagine per la Nazionale, che è sempre bella. La gente però capisce ciò che deve capire: è stata una cosa brutta. Chi ha sbagliato deve pagare, non bisogna trovare alcun tipo di scusa».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi