Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 giugno 2012 alle ore 07:30.
L'ultima modifica è del 21 giugno 2012 alle ore 09:06.

My24

Comprare titoli di Stato a lunga scadenza e vendere quelli a breve non significa stampare moneta. Ma nel prolungare l'operazione Twist e nel sottolineare che la Fed «è pronta a intraprendere ulteriori azioni per favorire una più forte ripresa economica», la banca centrale americana ha fatto capire che un altro quantitative easing è probabilmente dietro l'angolo. Per questo Wall Street è riuscita a superare l'immediata delusione seguita alla scontata estensione dell'operazione Twist. Affermare che un Qe possa aiutare l'economia, come ufficialmente dichiara la Fed e come fingono di credere gli operatori, è una mistificazione, quanto meno negli Usa. Il Qe serve a tenere bassi i rendimenti e dunque fa risparmiare soldi al Tesoro che emette titoli di Stato e alle aziende che collocano bond. Ma, già ora, Tesoro e aziende si finanziano a tassi così bassi come mai s'era visto negli ultimi decenni. Inoltre il Qe indebolisce la valuta, favorendo la competitività delle imprese. Infine, il Qe fa salire le borse, creando un virtuale effetto ricchezza che piace agli operatori e, a quattro mesi dalle elezioni, torna utile a Barack Obama.

Se si tralascia quest'ultimo aspetto, il Qe sembrerebbe tagliato proprio per quei Paesi i cui titoli di Stato hanno alti rendimenti, dove le aziende non riescono a reperire fondi a buon mercato, dove il mercato del credito e l'interbancario sono quasi congelati e dove le quotazioni dei titoli bancari sono ai minimi degli ultimi 22 anni. Sembrerebbe insomma tagliato per l'Eurozona che, con le eccezioni di Germania e Finlandia, soffre tutti quei problemi ed è in recessione e con le aziende a corto di competitività: un po' per fattori intrinseci e un po' a causa di una valuta troppo forte.
E, invece, il paradosso diventa sempre più evidente. La Bce non può per statuto e non vuole, per soggezione all'ideologia della Bundesbank, nemmeno sentir parlare di quantitative easing. La Gran Bretagna, che economicamente non sta meglio della Francia, ha finora approntato misure monetarie non convenzionali per quasi 400 miliardi di euro e per questo si ritrova i Gilt che rendono quanto i Bund. Fatte le debite proporzioni, la Bce potrebbe creare moneta per almeno 2mila miliardi (i mille del Ltro non fanno Qe e si sono rivelati quasi inefficaci). Non farà nulla, a meno che dai governi europei non arrivi un forte segnale della comune volontà a risolvere la crisi, accettando anche buona parte delle pretese tedesche. La Bce è l'unica istituzione che abbia la forza di spegnere l'incendio in Eurozona. Acquistare titoli di Stato con le limitate risorse del fondo Esm è davvero «paracetamolo finanziario», come ha dichiarato ieri la Commissione europea, o la pretesa di curare un cancro con l'aspirina, come s'è scritto su queste pagine due giorni fa.

Shopping24

Dai nostri archivi