Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 settembre 2012 alle ore 12:19.

My24

Mentre Unilever adegua la sua strategia per l'Europa impoverita mettendo in vendita piccole dosi di detersivo a poco prezzo, la Nestlé prosegue il suo cammino per soddisfare le esigenze dei più ricchi.

Dopo aver rivoluzionato le macchine domestiche per fare il caffè espresso inventando la linea Nespresso, Nestlé si appresta ora a conquistare il mercato dei lattanti dagli zero ai tre anni. Sarà in vendita tra pochi giorni in Francia, dopo il lancio avvenuto un anno fa in Svizzera, un apparecchio di lusso per la preparazione del biberon con le capsule di latte in polvere.

L'apparecchio permette di praparare un biberon in meno di un minuto, scegliendo tra un bouquet di sei "aromi" che si adattano al palato e ai bisogni nutrizionali del bebé nelle sue diverse fasi di crescita. Dopo aver selezionato la temperatura, si inserisce la capsula nella macchina che filtra l'acqua del rubinetto e voilà, il biberon perfetto è pronto.

Il BabyNes costa infatti 200 euro e una scatola di 26 capsule 40 euro, (1,5, 1,65 euro per ogni poppata meccanica) il sistema Nestlé ha dunque un prezzo doppio rispetto al latte in polvere standard. Il gruppo svizzero punta sull'igiene, la praticità e la sicurezza e senza dubbio sull'esclusività del sistema BabyNes. In Francia gli apparecchi saranno venduti nei negozi delle catene Bon Marché e Jacadi e le capsule sono disponibili nella boutique online che assicurano la consegna in 48 ore. Naturalmente BabtNes ha anche un app per l'iPhone che permette, alla mamma engagée, di ordinare lo stock di capsule quando stanno per finire le scorte e di contattare gli esperti messi a dispozione da Nestlé per risolvere ogni dubbio.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi