Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 dicembre 2012 alle ore 16:48.

My24

Il gruppo britannico Jaguar Land Rover, controllato dall'indiano Tata Motors, ha siglato una lettera d'intenti con il saudita National Industrial Clusters Development Program (Nicdp). In particolare sono in fase di sviluppo dei piani che potrebbero prevedere la localizzazione proprio in Arabia Saudita di un nuovo impianto per la produzione di automobili.

La notizia segue un recente annuncio, da parte di Jaguar Land Rover, di una joint venture con Chery Automobile Company per la realizzazione di un impianto produttivo a Shangai, in Cina, e per la parallela espansione dell'impianto di assemblaggio del gruppo britannico a Pune, in India.

La nuova fabbrica costruirà 50.000 Land Rover all'anno, utilizzando alluminio e acciaio di produzione locale. Lo riferisce il Ministero del commercio e dell'industria.

L'investimento iniziale, pari a 1,2 miliardi di sterline, potrà essere successivamente esteso per costruire anche modelli Jaguar «Questo è un progetto interessante, che potrebbe consentire a Jaguar Land Rover di stabilire una partnership di joint venture in una parte del mondo in cui ci si aspetta che le vendite di autoveicoli di lusso aumentino», ha detto il Ceo Jaguar Land Rover Ralph Speth. La strategia è quindi tesa a compensare il calo di vendite atteso sui mercati del vecchio continente.

Se l'accordo sarà ratificato, la nuova fabbrica potrebbe vedere la luce già nel 2017, con stabilimenti nelle cittadine di Jubail e Yanbu.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi