Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 27 dicembre 2012 alle ore 19:42.

My24

Un maxi sequestro di sigarette elettroniche è stato compiuto dal Nas a Genova in alcuni negozi che vendevano prodotti non a norma. Tremila tra dispositivi e liquidi erano privi del marchio di sicurezza.

Nel mirino soprattutto negozi aperti negli ultimi tempi per sfruttare il business natalizio. I militari hanno multato tre commercianti per alcune migliaia di euro. L'attività del Nas è voluta dal ministero della Salute nell'ambito delle verifiche sulla distribuzione in Italia di questo prodotto. Le sigarette elettroniche sequestrate non sono di marchi noti ma vengono dalla Cina e non hanno etichettatura Ce.

«Il controllo non è frutto di una strategia di oggi, è un settore delicato non è la prima volta che svolgiamo controlli in questo ambito», ha spiegato il vice comandante dei carabinieri del Nas, Antonio Diomeda.Sono oltre 30mila le confezioni di sigarette elettroniche sequestrate dai carabinieri del Nas a partire dal 2010. Il pm Raffaele Guariniello aveva aperto un'inchiesta su questi dispositivi, sia per quanto riguarda la sicurezza che l'efficacia.

Il materiale sequestrato oltre alla mancanza della etichettatura a norma, non aveva altro materiale di accompagnamento necessario per garantire il sicuro utilizzo di questi prodotti.E intanto dovrebbe arrivare a breve un parere del Consiglio Superiore di Sanità sugli eventuali rischi per la salute legati alle sigarette elettroniche, in particolare quelle che contengono nicotina.

Il ministro della Salute Renato Balduzzi ha chiesto all'organismo consultivo del suo dicastero una valutazione sulla base di alcune osservazioni che erano arrivate dall'Unione europea, documento che dovrebbe essere quasi pronto. La Commissione Europea appena prima di Natale aveva formalizzato la proposta di modificare la direttiva in vigore con un giro di vite nei confronti dei prodotti da fumo in generale, imponendo anche per le sigarette elettroniche che contengono nicotina,l'obbligo di riportare con evidenza le avvertenze sui rischi per la salute.

Balduzzi lo scorso 28 settembre aveva intanto firmato una ordinanza che rinnovava il divieto di vendita ai minori di 16 anni di sigarette elettroniche con presenza di nicotina. Il divieto di vendita vale per 6 mesi, in attesa proprio della consegna dello studio sul tema che il ministro ha commissionato ai propri esperti il 26 settembre.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi