Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 23 gennaio 2013 alle ore 18:36.

My24
ReutersReuters

Le scelte del "governo dei tecnici" negli ultimi 12 mesi hanno reso il mercato italiano tanto aperto quanto quello europeo. «Siamo convinti che potranno portare ad un aumento del Pil pari al 4% in dieci anni». Nel prendere la parola al World Economic Forum in corso a Davos il premier dimissionario Mario Monti traccia un bilancio positivo del suo anno a Palazzo Chigi, che trova conferma anche nell'atteggiamento dei partner europei verso il nostro paese: «Oggi l'atmosfera è cambiata», con più «rispetto e fiducia nella stabilità. Vedo concreto interesse per investimenti nel paese».

«La marea sta cambiando», ripresa dal II semestre 2013
L'ottimismo di Monti ha solidi basi, che lo induscono ad essere «fiducioso» sul futuro dell'Italia: la crescita, infatti, «riprenderà dal secondo semestre del 2013», anche perché «la marea sta cambiando», e «oggi l'italia è un paese molto diverso da un anno fa. Abbiamo fatto scelte dure per mettere i conti pubblici su un sentiero sostenibile, quest'anno avremo il pareggio strutturale, un avanzo primario di oltre il 4% il prossimo anno. E abbiamo messo regole severe affinché l'Italia in futuro non cambi percorso, con il pareggio di bilancio in Costituzione e il rispetto del fiscal compact».

La conferma nei numeri dello spread
Buone notizie arrivano anche dal sistema pensionistico, « tra i più sostenibili», mentre la spesa pubblica ha subito tagli radicali «con due sessioni di spending review risparmiando 11 miliardi, abbiamo un programma per vendere asset pubblici e quote di società quotate». La conferma, per Monti, arriva dallo spread, «calato da 575 a 260».

Norme sulla corruzione «da migliorare»
Nel suo bilancio, Monti accenna anche alle cose da migliorare, come sul fronte delle norme anticorruzione («che vorrei veder rafforzate in futuro»), e spiega alcune lezioni apprese sul ponte di comando: «La riduzione del debito non si può più fare attraverso le tasse». Da Monti, anche elogi per la leadership di Mario Draghi, ma il premier ricorda come senza gli sforzi di risanamento e di riforme dell'Italia «sarebbe stato molto più dura per la Bce lanciare» i programmi per il salvataggio dell'euro.

Il ruolo della situazione interna all'Italia
Il discorso di Monti si svolge a Davos ma l'Italia e la situazione politica interna ricorre più volte. La mia, riconosce Monti, è una «agenda ambiziosa», ma tutti abbiamo una "responsabilità sociale», che spiega la sua scelta di presentarsi alle elezioni perchè «lo devo agli italiani», ed in particolare a quelli «più fragili», quelli subiscono il peso «intollerabile» della disoccupazione.

Italiani «vittime» dell'inerzia di troppi governi
Per Monti, questi cittadini in difficoltà sono «vittime di governi che spesso non sono stati abbastanza forti contro l'evasione fiscale, la corruzione, gli interessi particolari, le manipolazioni del mercato finanziario». Vittime, soprattutto, ha rimarcato il premier parlando in inglese - «di politici che spesso si sono impegnati in promesse elettorali senza considerare se fossero o meno realizzabili», e così facendo «hanno spesso aggravato la crisi perchè, troppo concentrati sulle elezioni nazionali» non hanno considerato l'urgenza delle riforme ed hanno al contrario
«alimentato il nazionalismo e il populismo».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi