Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 luglio 2013 alle ore 12:24.

My24
Manifestazioni e uno spot per educare i giovani alla sicurezza ferroviaria

Uno spot e manifestazioni in tutta Italia per educare i giovani alla sicurezza ferroviaria, al rispetto delle regole e alla conoscenza delle problematiche legate all'uso del treno. Oggi a Roma è stato firmato un Protocollo dall'Agenzia nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie, dal Servizio Polizia Ferroviaria (Polizia di Stato) e dalla Federazione Italiana Pallacanestro. L'impegno è quello di diffondere nell'ambito del sistema di formazione sportiva la cultura della sicurezza e della salute e promuovere progetti destinati a sensibilizzare istruttori sportivi e atleti, «per sviluppare una consapevole cultura sociale sui temi della prevenzione degli incidenti derivanti da comportamenti non rispettosi delle norme o improntati a ignoranza dei rischi connessi alla presenza e al funzionamento del trasporto su ferro».

Lo spot sarà ambientato nella stazione di Santa Maria Novella
Lo spot di pubblicità progresso sarà ambientato all'interno della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella con il coinvolgimento di due giocatori della nazionale italiana di basket, di agenti della Polizia Ferroviaria e di ragazzi. Lo spot verrà trasmesso a partire dal prossimo autunno sulle reti Tv, diffuso tramite siti dei partner dell'iniziativa, social network, web Tv e altri portali istituzionali. In programma, a partire dal prossimo autunno, anche l'organizzazione di iniziative itineranti nelle piazze adiacenti le stazioni di alcune città italiane. Gli eventi, rivolti a tutti i cittadini dai bambini mini basket sino agli adulti, prevedono l'allestimento di un'area attrezzata con playground, spazi creativi e stand dove veicolare messaggi istituzionali e di tipo più divulgativo.

Chiovelli (Ansf): prevenzione a tutto campo
«Le statistiche evidenziano che sempre più spesso sui binari perdono la vita persone estranee allo scenario ferroviario – ha sottolineato Alberto Chiovelli, direttore dell'Agenzia nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie - Nel 2011, su 65 persone decedute ben 64 erano estranee allo scenario ferroviario, nel 2012 su 69 morti, solo 2 erano passeggeri, 1 apparteneva al personale ferroviario e ben 66 erano persone esterne al trasporto ferroviario. È per questo che l'Ansf si sente chiamata a un forte impegno in una azione di prevenzione a tutto campo diretta in particolare ai giovani».

Caroselli (Polizia ferroviaria): quando si fa squadra il risultato è garantito
«Ci troviamo di fronte a un'iniziativa che nasce dalla condivisione profonda di un valore, la sicurezza, e dalla convinzione comune che quando si fa "squadra", il risultato è garantito», ha detto Claudio Caroselli, direttore del Servizio di Polizia Ferroviaria.

Petrucci (Fip): lo sport può fare molto
«Fare sport, per la Fip, non significa soltanto gestire l'attività sportiva e quella delle Nazionali – ha detto Giovanni Petrucci, presidente della Fip - Significa soprattutto veicolare azioni e comportamenti improntati all'etica e al corretto vivere civile. Il protocollo è un'azione concreta in questa direzione. Lo sport può e deve fare molto per la sicurezza individuale e il rispetto delle regole. Le intenzioni si trasformeranno presto in atti concreti».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi