Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 novembre 2013 alle ore 20:40.
L'ultima modifica è del 25 novembre 2013 alle ore 20:07.

My24

Arriva la rottamazione delle cartelle esattoriali con l'azzeramento degli interessi. Sulle cartelle affidate ai concessionari della riscossione (Equitalia su tutti) alla data del 31 ottobre 2013 saranno dovuti l'intero importo iscritto a ruolo e quello residuo, nonché le sanzioni. Non saranno dovuti gli interssi di mora. Entro il 30 maggio 2014 i concessionari della riscossione avviseranno i contribuenti debitori interessati alla definizione agevolata, i quali per aderire dovranno versare il 50% delle somme richieste. Restano comunque dovuti i dazi e i tributi propri dell'Unione europea e quelli che derivano da condanne della Corte dei conti. Per la definizione agevolata delle cartelle esattoriali servirà comunque un modello ad hoc e le istruzioni di pagamento bisognerà attendere un decreto del ministero dell'Economia.

Pensioni d'oro
Sul fronte previdenziale, salta l'indicizzazione soft per le pensioni e il taglio dei trattamenti pensionisti sopra i 90mila euro. I relatori hanno infatti ritirato l'emendamento presentato venerdì sera, che prevedeva l'indicizzazione fino a 4 volte la rendita minima e il contributo di solidarietà a partire dal 5% sopra i 90mila euro fino a un massimo del 15% in relazione all'ammontare della pensione. Secondo alcune indicazioni né l'Inps né la Ragioneria avrebbero trovato un giusto compromesso sui conti. Non è escluso che la partita possa essere riaperta alla Camera. Per la tanto attesa riscrittura della nuova tassazione sulla casa, Governo e maggioranza hanno raggiunto l'intesa sulla nuova tassazione degli immobili. Al posto della Trise arriva la Iuc, imposta unica comunale.

Portabilità dei servizi e non dei conti correnti
È la nuova fisionomia dell'emendamento alla legge di stabilità riformulato dai relatori. Il testo bis dè stato depositato al termine della seduta mattutina della Commissione e prevede che il cliente può chiedere di trasferi i servizi di pagamento connessi al rapproto di conto a un altro istituto senza dover sostenere alcuna spesa aggiuntiva. In sostanza, rispetto alla prima versione dell'emendamento viene chiarito che il trasferimento può riguardare soltanto i servizi di pagamento utilizzati dal cliente ma ma non il conto in quanto tale. Inoltre la riformulazione dei relatori estende la portabilità dei servizi alle Poste e a operatori finanziari che possono offrire servizi di pagamento. Il trasferimento chiesto dal cliente deve essere perfezionato entro 14 giorni lavorativi dal momento della richiesta. Resta confermato il termine di chiusura dell'operazione ma salta la penalizzazione per gli istituti che sforano i le due settimane lavorative.

Arriva delega su spiagge
Si era partiti dalla vendita delle spiagge e si è approdati a una riapertura della delega al Governo che dai 15 mesi iniziali avrà avrà complessivamente 30 mesi di tempo per riscrivere le regole sull'affidamento delle concessioni demaniali e la disponibilità ad offrire canoni maggiori rispetto a quelli previsti dalla attuale disciplina.

Arriva la chiusura delle liti sui canoni demaniali
Chiusura agevolata al 30% per chiudere le liti sul mancato versamento delle concessioni demaniali. Con un emendamento dei relatori depositato oggi in Commisione bilancio i "bagnini" con una pendenza giudiziaria ancora aperta al 30 settembre 2013 per il mancato versamento all'Erario di canoni demaniali e degli indennizzi per l'utilizzo delle spiagge e beni demaniali marittimi potranno chiudere la lite presentando un'apposita domanda e versando in unica soluzione il 30% delle somme dovute. Se invece si sceglie il pagamento in 9 rate annuali l'importo dovuto per chiudere la lite sale al 70% delle somme dovute al Fisco più gli interessi. La domanda per la definizione agevolata della lite dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2014.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi