Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 febbraio 2014 alle ore 12:03.
L'ultima modifica è del 18 febbraio 2014 alle ore 12:06.

My24

Sorpresa :da una ricerca dell'Ocap Sda Bocconi, l'Osservatorio sul cambiamento delle Pa dell'università milanese, si scopre che il pubblico impiego italiano sta diventando sempre meno oneroso per il Paese, e a una velocità considerevole. Addirittura, per il personale pubblico spendiamo il 33% in meno, pro capite, rispetto ai cugini francesi. Anche se resta la necessità di un piano straordinario per il settore, che ne migliori l'efficienza senza continuare a incidere indistintamente sul personale.

Tra il 2008 e il 2012, il numero dei dipendenti pubblici è infatti calato del 5,5%, portandosi a 3.238.474 unità, e la spesa per i dipendenti pubblici è a sua volta calata del 4,38% a 165,4 miliardi di euro, ovvero 2.710 euro pro capite. Una cifra poco inferiore a quella della media europea (pari a 2.736 euro), ma ben al di sotto di quella di Paesi dalle dimensioni e dallo sviluppo economico paragonabili al nostro, come la Francia (dove la spesa raggiunge addirittura i 4.080 euro pro capite) e il Regno Unito (3.260 euro). Anche il rapporto tra la spesa per i redditi da lavoro dei dipendenti pubblici e il totale della spesa pubblica attuale si è portato nel 2012 leggermente al di sotto della media europea (24,8% contro 24,9%), con un ca,lo di quasi due punti percentuali rispetto al 2008.

In forte calo anche il numero dei dirigenti pubblici tra il 2007 e il 2012: -19% nei ministeri, -13% nelle regioni a statuto ordinario, -31% nelle province e -20% nei comuni. Inoltre, la presenza femminile nel settore dirigenziale della pubblica amministrazione è molto maggiore di quella nel settore privato. Si è infatti passati, sempre tra il 2007 e il 2012, dal 35,3% al 39,49% nei comuni, dal 26,44% al 31,07% nelle province, dal 30,18% al 36,31% nelle regioni a statuto ordinario e dal 34,47% al 42,93% nei ministeri.

«La terapia d'urto inaugurata nel 2010, e che si concretizza soprattutto in riduzione del turn-over e blocco della contrattazione - spiega Giovanni Valotti, responsabile dell'Ocap, hanno avuto un effetto di dimagrimento, ma anche effetti collaterali come l'invecchiamento del personale, con quasi metà dei dipendenti over 50».

La ricerca completa verrà presentata al pubblico nell'incontro «La p.a. che vogliamo», in programma presso l'Aula Magna dell'Università Bocconi, a Milano in via Roentgen 1, alle 10,30 di giovedì 20 febbraio.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi