Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 02 giugno 2014 alle ore 21:13.
L'ultima modifica è del 02 giugno 2014 alle ore 21:25.

My24

Sullo sciopero Rai dell'11 giugno per il taglio da 150 milioni imposto dal decreto Irpef «la linea del governo non cambia, non ci faremo dettare l'agenda da nessuno». Mentre entro gli obiettivi da raggiungere «entro il 2014» sono «la riforma del canone e l' anticipazione percorso della concessione». Così il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli.

Giacomelli: il governo non si fa dettare l'agenda
«Sulla Rai e sullo sciopero ha già parlato il presidente del Consiglio, non mi sembra che i suoi interventi abbiamo bisogno di grandi esegesi interpretative. La linea del governo non cambia, non ci faremo dettare l'agenda da nessuno» ha detto il sottosegretario alle Comunicazioni.

Entro l'anno la riforma del canone
Quanto agli obiettivi da realizzare entro il 2014 Giacomelli indica: «riforma del canone, anticipazione percorso della concessione, trasformazione e innovazione della Rai». Obiettivi da centrare aprendo «un confronto con tutti, perché il servizio pubblico appartiene a tutti, non solo agli addetti ai lavori».

Usigrai: bene Giacomelli, pronti a ridiscutere sciopero
Al sottosegretario risponde con un'apertura di credito il sindacato Usigrai. «I temi del confronto posti dal sottosegretario Antonello Giacomelli, a partire dall'anticipo al 2014 del rinnovo della Concessione, sono quelli che avevamo posto noi come centrali per il futuro e il rilancio della Rai» affermano Franco Siddi, segretario Fnsi, e Vittorio di Trapani, segretario Usigrai. «I toni del sottosegretario sono sopra le righe - prosegue la nota -. A noi però non interessano le polemiche ma i contenuti e si tratta di una apertura importante. L'Usigrai convocherà i propri organismi dirigenti per valutare le decisioni da assumere sullo sciopero».

Il nodo palinsesti e i rinnovi contrattuali (da Vespa a Floris)
Sotto il "fuoco" del governo e della spending review, in attesa che la revisione del piano industriale declini l'impatto del taglio da 150 milioni imposto dal decreto Irpef, nel "fortino" di viale Mazzini si mettono intanto a punto gli ultimi dettagli dei palinsesti autunnali, che giovedì 5 giugno approderanno per una prima lettura in cda, in vista della presentazione agli sponsor del 25 e 26 giugno. Gli sforzi restano concentrati sull'elaborazione di un'offerta competitiva, in grado di reggere il confronto con Mediaset in primis, ma anche con La7 e Sky che va sempre più rafforzando il prodotto generalista.
Sullo sfondo restano alcuni rinnovi contrattuali importanti, ai quali non si possono escludere ritocchi: tra questi, quelli di big come Bruno Vespa, Carlo Conti (impegnato anche con il prossimo Festival di Sanremo), Antonella Clerici e Giovanni Floris.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi