Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 07 giugno 2014 alle ore 09:42.
L'ultima modifica è del 07 giugno 2014 alle ore 12:26.

My24

In un'intervista rilasciata alla Cnn anni fa l'ex presidente Usa Bill Clinton, operato più volte alle coronarie nel 2004 e nel 2010, disse: "Gli errori peggiori che ho fatto quando ero presidente sono accaduti per stanchezza dovuta alla mancanza di sonno". Arianna Huffington, la signora dei new media, fondatrice dell' Huffington Post, racconta invece nel suo ultimo libro "Cambiare passo" la mattina del 6 aprile 2007 quando si ritrovò stesa sul pavimento dello studio di casa in una pozza di sangue e del percorso faticoso fatto da allora per evitare un altro collasso da esaurimento fisico-tecnologico.

La Huffington ha raccolto nel suo saggio, che dà anche molti consigli sulla terza metrica per ridefinire successo e felicità, numerosi appelli di tech-addicted che si sono accorti troppo tardi di quanto fosse scaduta la loro qualità della vita e di relazione: "Non guardavo più mia moglie negli occhi - raccontavo delle favole da un minuto ai miei figli per non perdere tempo e tornare a lavorare al pc - Vedere gli amici? Scrivo loro su Facebook". Vi riconoscete in uno di questi ritratti? Prendete subito dei provvedimenti, prima del burn out.

La via più facile è approfittare delle vacanze per fare un sano digital detox. Si può scegliere la proposta offerta nel campo estivo per geek e hypster in California (un campeggio per adulti dove nessuno strumento tecnologico è ammesso), oppure quella spirituale. In Austria, ad esempio, nel Monastero Georgenberg-Fiecht è possibile immergersi nella vita monastica senza televisore e wi fi. Il tempo passa frequentando laboratori di meditazione e rilassamento, conversando con i 15 monaci benedettini che offrono anche consulenza spirituale e analisi dei sogni.

Un'altra destinazione per chi vuole stare lontano da auto, tv e internet si trova in Grecia. Si tratta dell'isola Marathi una delle più piccole e meno popolate del Paese, che si trova vicino a Patmos, ma è raggiungibile solo in barca a vela: "Marathi è un rifugio per coloro che vogliono dimenticare o stress della città. Qui non ci sono strade, auto, negozi, solo una spiaggia, il mare e gli animali". Parola di Pantelis Emilianos che la abita con la famiglia dal 1978.

Dal deserto africano, all'Alaska sono ancora molteplici le mete dove la natura, più che la connessione, la fa da padrone. Ma una delle ultime tendenze, per sbarazzarci dal riflesso pavloviano di interagire con lo smartphone appena questo emette un suono, è camminare. La razza umana è bipede da duemila anni e il ritorno alle origini pare sia il mezzo più indicato ed economico per salvarci dall'immobilismo da scrivania.

Secondo Robert Reid, giornalista di National Geographic, non dobbiamo fare altro che tornare esattamente sui nostri passi, riprendere contatto con la terra camminandoci sopra. Scoprire a piedi posti nuovi, metterci l'impronta significa farli diventare propri, racconta Reid: "Nessun altro mezzo può dare questo piacere e in più la marcia verso una meta ha una componente ipnotica, costa fatica, risveglia i muscoli ed è naturalmente sedativa". Perché dunque non provarci? Avvertenza: prima di partire, lasciate il cellulare a casa.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi