Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 giugno 2014 alle ore 16:31.
L'ultima modifica è del 11 giugno 2014 alle ore 21:00.

My24
(Ansa)(Ansa)

Il segretario generale della Fiom Cgil, Maurizio Landini, giudica «inaccettabili» gli aumenti proposti dalla Fiat per il rinnovo del contratto. «Al di là del fatto che Fiat ha offerto solo 15 euro lordi al mese di una tantum, quello che sta succedendo è che il salario Fiat è già ora più basso di quello del contratto nazionale dei metalmeccanici», afferma in conferenza stampa.

Pertanto, la Fiom propone a «Fim e Uilm di fare assemblee unitarie su piano industriale, contratto e elezione Rsa Fiat. Di fronte a un'indisponibilità siamo pronti a mettere in atto le azioni necessarie per fare le assemblee, non escludiamo assolutamente nulla, neppure lo sciopero». Lo ha detto il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, secondo il quale la rottura delle trattative tra Fiat e sindacati firmatari degli accordi sul rinnovo contrattuale auto «mette in luce il paradosso delle relazioni sindacali e i nodi stanno arrivando al pettine». Secondo Landini, «il problema non è scioperare ma mettere i lavoratori in condizione di scegliere» su piattaforma e contratto. I 15 euro mensili di una tantum proposti dal Lingotto «è più bassa di quanto previsto dal contratto nazionale, non è strutturale e non mi pare accettabile».

Accordo per il rientro a Pomigliano dei 19 delegati Fiom
Intanto, c'è l'accordo tra la Fiat e la Fiom per il rientro di tutti e 19 i delegati dei metalmeccanici Cgil a Pomigliano. Lo annuncia il segretario generale, Maurizio Landini, in conferenza stampa, parlando di «un fatto importante e positivo: consideriamo risolto e concluso il contenzioso giudiziario».
Il reinserimento al lavoro avverrà nelle prossime settimane e si concluderà i primi di settembre. «Per quanto ci riguarda vogliamo aprire un nuovo capitolo delle relazioni industriali in tutto il gruppo Fiat e superare le discriminazioni che ancora sussistono visto che ci sono tavoli separati», afferma Landini che chiede ora a Fim e Uilm assemblee unitarie e la rielezione generalizzata delle rappresentanze sindacali.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi