Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 09 luglio 2014 alle ore 08:19.
L'ultima modifica è del 09 luglio 2014 alle ore 21:15.

My24
(Reuters)(Reuters)

L'offensiva di terra potrebbe cominciare «a breve» se Hamas non ferma i lanci di razzi su Israele. Lo ha detto il presidente israeliano Shimon Peres, in una intervista esclusiva alla Cnn. «Li abbiamo avvisati. Gli abbiamo chiesto di fermarsi - ha detto Peres - abbiamo atteso un giorno, due, tre e loro hanno continuato. Ed hanno sparso il loro fuoco su molte aeree di Israele».

Ma in serata è già salito a 52 morti e 450 feriti il bilancio attuale delle vittime palestinesi a Gaza in due giorni di raid israeliani sulla Striscia. L'aggiornamento giunge dall'agenzia di stampa palestinese Maan. «Dobbiamo fermare questo massacro, questo è un genocidio», ha detto il leader palestinese Abu Mazen alla riunione straordinaria dell'Olp in corso a Ramallah. A rispondere è in prima persona il premier israeliano Benyamin Netanyahu al termine di una consultazione con i responsabili militari a Beer Sheva, nel Neghev: «L'operazione sarà estesa e proseguirà fino a quando gli spari verso le nostre città non cesseranno del tutto e la calma ritornerà».

Tra le vittime dei raid aerei ci sono anche donne e bambini. Solo nella giornata di oggi due donne e quattro bambini sono morti sotto i missili lanciati nella zona orientale e in quella settentrionale della città di Gaza, mentre altri sette bambini figuravano tra i 25 morti di ieri. La scorsa notte l'aviazione israeliana ha colpito 160 obiettivi nella Striscia di Gaza, portando così a 430 il numero degli attacchi lanciati da ieri, quando è partita l'operazione Barriera protettivia. Da mezzanotte, almeno sette razzi hanno colpito Israele e altri otto sono stati intercettati dal sistema antimissilistico Iron Dome, due dei qualli nella zona di Tel Aviv. Da ieri sono 117 i razzi lanciati contro Israele, di cui 45 contro le principali città, quali Gerusalemme e Tel Aviv, così come Hadera, situata più a nord. (con fonte Afp).

Il ministro della difesa Moshè Yaalon ha detto che le operazioni contro Hamas «saranno estesa durante i prossimi giorni». «Abbiamo ucciso terroristi di differenti ranghi - ha detto Yaalon citato dai media - e questa operazione continuerà e sarà intensificata. Da parte nostra non sarà una battaglia di breve durata».

Da Gaza razzi su Dimona, centrale atomica israeliana non colpita
Nel pomeriggio Hamas ha lanciato da Gaza sette razzi verso Dimona (Neghev). Tre sono stati intercettati in volo, gli altri quattro sono caduti in zone desertiche. La centrale atomica israeliana non è stata colpita. Lo riferisce la Tv Canale 10.

E le sirene di allarme sono entrate di nuovo in funzione a Tel Aviv, sul cui circondario almeno cinque razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza: lo ha riferito la radio dell'Esercito israeliano, secondo cui tutti i razzi sono comunque stati intercettati in volo da una batteria del sistema di difesa anti-missilistica "Iron Dome". Già nella tarda serata di ieri Hamas aveva rivendicato il lancio di quattro razzi contro la città.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi