Italia

Boldrini: «Riprendere la strada verso gli Stati Uniti…

  • Abbonati
  • Accedi
dichiarazione congiunta sull’integrazione europea

Boldrini: «Riprendere la strada verso gli Stati Uniti d’Europa»

Un forte impegno a dare nuovo slancio all'integrazione politica europea, che potrebbe condurre a un’unione federale di Stati. È questo il senso della dichiarazione congiunta firmata oggi dalla presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, dal presidente del Bundestag tedesco Norbert Lammert, dal presidente dell'Assemblée nationale francese Claude Bartolone e dal presidente della Chambre des Députés lussemburghese Mars Di Bartolomeo. Il documento è stato sottoscritto dai quattro presidenti nel corso di una cerimonia alla Camera dei deputati, trasmessa in diretta dal sito del Sole 24 Ore. I firmatari sono stati ricevuti al Quirinale dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al quale hanno illustrato la Dichiarazione.

Boldrini: più integrazione per rispondere al populismo
«Oggi siamo qui perché siamo convinti che una maggiore integrazione politica europea sia la strada giusta per dare un futuro migliore ai nostri figli e per rispondere a quanti utilizzano l'Europa come capro espiatorio per alimentare populismo e xenofobia», ha sottolineato la presidente della Camera, Laura Boldrini, nel corso della cerimonia a Montecitorio. «Meno di due mesi fa - ha ricordato - quando questa iniziativa ha mosso i primi passi, un tale esito - la firma di una dichiarazione congiunta - non era affatto scontato. In Europa c'era un altro clima politico». Ora, ha sottolineato Laura Boldrini, «sui nostri schermi, scorrono senza sosta immagini che parlano chiaro: tanti cittadini tedeschi, italiani, francesi, lussemburghesi - ma anche austriaci e di altri Stati membri - dimostrano concretamente cosa significhi la parola solidarietà. Mostrano a tutto il mondo il vero volto dell'Europa. Un volto infinitamente migliore di quello che solitamente emerge dalle cronache».

La dichiarazione è un primo passo verso gli Stati Uniti d’Europa
Perciò la dichiarazione, ha sottolineato la presidente della Camera, «è un primo passo per riprendere un percorso intrapreso alcuni decenni fa dai Padri fondatori, in un momento infinitamente più drammatico di questo. Sarà facile costruire un'Unione federale? No. Ci vorrà tempo? Sì. Dovremo fare qualche rinuncia? Sì. Ma credo che, soprattutto, dobbiamo chiederci: quanto ci costerà e cosa perderemo se non lo faremo? Se vogliamo affrontare le sfide della globalizzazione, trasformare questa crisi epocale in una opportunità, sconfiggere lo scetticismo e infondere un rinnovato entusiasmo, specialmente nelle giovani generazioni, non c'è alternativa ad una maggiore integrazione politica europea. Come è risuonato forte quattro giorni fa qui nell'Aula di Montecitorio, noi dobbiamo riprendere il percorso verso gli Stati Uniti d'Europa».

Serve più spirito di solidarietà
Secondo il presidente dell'assemblea nazionale francese, occorre «più spirito di solidarietà» ed anche, come sottolinea il presidente del Bundestag, «un nuovo e rafforzato ruolo dei Parlamenti: non siamo rivali del Parlamento Ue, ma suoi partner». Anche perché, sostiene il presidente dei deputati lussemburghese, «l'Unione europea è come una bicicletta: se non pedali, cadi».

I presidenti hanno letto parti della dichiarazione nella propria lingua
A Palazzo Montecitorio, nella Sala della Regina, i presidenti delle quattro Assemblee hanno letto - ciascuno nella propria lingua - parti della Dichiarazione che poi hanno firmato. Gli interventi dei presidenti sono stati intervallati dalla lettura di alcuni brani, da parte di studenti universitari, tratti dagli scritti di alcuni dei padri fondatori dell'Ue: Alcide De Gasperi, Robert Schuman, Konrad Adenauer e Joseph Bech. Ad aprire la cerimonia, il Coro dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia che ha eseguito l'Inno alla gioia dalla Nona sinfonia di Beethoven. In chiusura, la pianista Gilda Buttà ha eseguito nuovamente l'Inno europeo nella trascrizione per solo pianoforte di Franz Liszt. L'hastag dell'evento è #AllWeNeedIsMoreEu. (N.Co.)

© Riproduzione riservata