Italia

Twitter aiuta a trovare un impiego. Fioccano gli annunci. Ecco 4…

  • Abbonati
  • Accedi
social network

Twitter aiuta a trovare un impiego. Fioccano gli annunci. Ecco 4 consigli per riuscirci

E se il recruitment salvasse Twitter? Sì, apparentemente sembra una forzatura. Il social network non è nato per far concorrenza a LinkedIn, e le sue caratteristiche sono sempre state altre. Eppure una serie di circostanze apre il campo a questa ipotesi. Prima fra tutte: Twitter sta attraversando un periodo difficile. Probabilmente il più difficile da quando, il 21 marzo 2006, alle 21:50 italiane Jack Dorsey twittò: «just setting up my twttr» (sto sistemando il mio Twitter). Negli ultimi mesi il social network ha fatto notizia per i cambi ai vertici societari, per il licenziamento dell'8% dei suoi dipendenti e per l'idea di abbandonare il limite dei 140 caratteri innalzando lo stesso a diecimila.

Tutti segnali di irrequietezza, di cambiamento. Alcune ricerche diffuse in questi giorni, però, aprono la porta a nuovi scenari che probabilmente quelli di Twitter non avevano neanche messo in conto. Il social network dell'uccellino, infatti, si sta riscoprendo un utile canale professionale. Un luogo dove domanda e offerta di lavoro si trovano alla perfezione. Addirittura meglio che sui canali specifici. E oggi, trovare lavoro grazie a Twitter sembra non essere semplicemente una fortunata coincidenza, ma un dato di fatto.

Una recentissima analisi di Sofware Advice offre due chiavi di lettura abbastanza chiare: Twitter è il social network che ospita più annunci di lavoro in assoluto, addirittura più di Linkedin; tuttavia, solo il 15% dei recruiters ha detto di aver assunto qualcuno attraverso Twitter. Da una parte, dunque, numeri enormi, dall'altra una diffidenza che ancora frena il boom definitivo.

Le aziende si adeguano
La stessa analisi dice che il 58% delle persone senza lavoro utilizza proprio Twitter per trovarlo. E circa 200 grandi aziende classificate dal sito americano Fortune (fra queste AT&T e Ibm), hanno aperto account ad hoc per twittare offerte di lavoro o informazioni relative al loro canale di recruitment. Monster, uno dei siti di annunci di lavoro più popolari al mondo, ha lanciato anche un'apposita campagna che sfrutta le Api di Twitter per diffondere annunci di lavoro targettizzati.

4 strade da seguire per trovare lavoro con Twitter
Sull'evenienza di trovare lavoro grazie a Twitter, il sito Forbes offre una piccola guida divisa in quattro punti. Quattro strade da seguire per avere maggior successo. Per prima cosa, creare l'account come se fosse un biglietto da visita. Quindi, la piccola bio del profilo deve essere interamente dedicata agli aspetti professionali e non agli hobby. Il secondo passo da compiere è quello di diventare follower dei profili che maggiormente hanno a che fare col proprio ambito professionale. Niente paura: dopo averne selezionati alcuni, sarà lo stesso algoritmo di Twitter a consigliarne altri affini. Il terzo suggerimento è quello più ovvio: creare contenuti relativi alla propria professione e twittarli. In questo caso, però, l'utilizzo degli hashtag è determinante, mentre l'opzione della menzione (la famosa @) va usata con cautela. Infine, quarto suggerimento, inviare dei messaggi privati ad aziende o manager. Strada da seguire solo quando si è abbastanza sicuri di ciò che si sta facendo. Può essere un ottimo metodo per candidarsi a un lavoro. Ma Twitter rimane un social network di altra natura, quindi meglio non confonderlo con le connessioni di LinkedIn. Almeno non ancora.

© Riproduzione riservata