Italia

Microsoft e Pwc scommettono su Alfred, il maggiordomo digitale creato da…

  • Abbonati
  • Accedi
start up

Microsoft e Pwc scommettono su Alfred, il maggiordomo digitale creato da tre studenti italiani

Una start up tutta italiana selezionata prima da Microsoft Venture Uk e poi da PricewaterhouseCoopers per i loro programmi di accelerazione. Che ora lavora a Londra e guarda lontano, al sogno americano. Da marzo a oggi “Alfred”, il maggiordomo digitale che tiene le redini della casa gestendo elettrodomestici e device in modalità low cost, ovvero abbattendo gli sprechi energetici, di strada ne ha fatta.

L’esperienza con Microsoft Venture Uk
La scorsa primavera i tre amici che hanno inventato la app, tutti studenti di ingegneria informatica all’Università di Roma Tre, avevano lanciato una campagna di crowdfunding per finanziare la loro idea, battezzata “Alfred” in omaggio a quell’Alfred Pennyworth che assisteva Batman. Ma non avevano abbandonato la ricerca di un acceleratore. E la costanza è stata premiata: a giugno sono stati contattati da John Lewis, un noto retailer britannico che in collaborazione con il fondo di investimenti LMarks, li ha invitati a partecipare al loro programma di accelerazione JLab ricevendo un seed di 20mila sterline e un ufficio nel loro head office a Victoria. Poco prima di terminare il programma, a Nicola Russo, Michele Galli e Silvia Di Nardo è arrivata la chiamata della coorte di Microsoft Venture Uk. Il salto: a ottobre il trasferimento a Liverpool Street e £500k in servizi cloud. I tre studenti lavorano strutturati in un team vero e proprio insieme ad Adam Lamkharbech (designer Rufa), Marco Matera (Business Management, A. Ruskin University London), e Lorenzo Perniciaro (graphic designer Rufa).

Lanciata ufficialmente l’app Android
«L’esperienza presso la coorte di Msv ci ha arricchito come nessun’altra», dicono i ragazzi. «Abbiamo capito cosa vuol dire realmente fare azienda, lavorando in stretto contatto con il Ceo-in-residence Warwick, e abbiamo consolidato il nostro modello di business e ampliato la nostra rete di contatti». L’8 dicembre la società ha partecipato nella capitale britannica al TechCrunchDisrupt, la convention annuale dedicata alle startup innovative in ambito tecnologico. E durante la manifestazione ha lanciato ufficialmente sia l’app Android, registrando oltre mille download in poco più di un mese, sia l’e-commerce (www.alfredsmarthome.com/shop).

Consumi domestici senza sprechi
Oggi si chiude l’accelerazione con Msv con un evento al Cafè de Paris. Ma già la PricewaterhouseCoopers ha selezionato “Alfred” per il suo programma di accelerazione: nuovo mentoring, nuovo spazio presso i loro uffici a London Bridge. E un nuovo obiettivo, che spiegano così: «Riunire in un’unica app il nostro cervello in cloud e tutte le funzionalità delle app proprietarie e di quelle di terze parti». Il focus di questi mesi è stato sui consumi domestici e ha prodotto il rilascio di una prima versione di smart management: “Alfred” è in grado di spegnere luci e riscaldamenti quando l’utente è fuori casa, può scegliere la giusta intensità luminosa, evitare lo stand-by dei device e visualizzare i grafici dello storico dei consumi energetici di luci e prese elettriche o delle ore di utilizzo della caldaia.

Da Alfred a Jarvis?
Ma la sfida per il 2016 è l’intelligenza artificiale: «A breve il nostro maggiordomo sarà in grado di gestire automaticamente il riscaldamento-raffreddamento ambientale imparando dalle passate regolazioni dell’utente». E il team sta lavorando all’implementazione dei comandi vocali. Per poter controllare a voce musica, luci, temperatura; riconoscere amici e parenti al videocitofono; comunicare subito se qualcosa non va nella cameretta dei bambini. Tanto che anche il nome potrebbe essere rivisto: da Alfred a Jarvis, come il fedele maggiordomo di Iron Man e dei Vendicatori.

© Riproduzione riservata