Lifestyle

Premier: pari a Manchester, Leicester ad un passo dal titolo

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Premier: pari a Manchester, Leicester ad un passo dal titolo

Il Leicester non festeggia a Manchester ma fa comunque un altro passo verso quello che sarebbe il primo campionato della sua storia. All’Old Trafford, nella 36.a giornata di Premier, la squadra di Ranieri ferma i Red Devils sull'1-1, nonostante l’assenza di Vardy: al vantaggio di Martial risponde Morgan. Adesso le Foxes sono a soli due punti dal trionfo, ma potrebbero festeggiare già domani sera se il Tottenham non riuscisse a battere il Chelsea.

Ad un passo dalla storia, trema la gamba al Leicester nei primi minuti dell'incontro. Ranieri non rinuncia al suo 4-4-2 con Ulloa-Okazaki tandem avanzato ma all'8' deve alzare le braccia: Valencia pennella da destra con l'esterno, la difesa ospite è messa male e Martial sul secondo palo ha vita facile e insacca, acciuffando Rooney in vetta ai marcatori dello United con 14 reti. Un colpo di testa di Okazaki prova a svegliare le Foxes dal torpore, ma ci vuole un intervento prodigioso di Schmeichel al 14' su Lingard per tenere in bilico l'incontro. E dopo 15 minuti di monologo Red Devils arriva il pareggio del Leicester: minuto 17, Drinkwater crossa da sinistra e il capitano Morgan di testa sovrasta Rojo realizzando l'1-1, seconda gioia personale dopo quella col Southampton. Scrollata di dosso la paura, la capolista inizia a giocare: al 30' Valencia salva in scivolata su Schlupp, mentre sul ribaltamento di fronte Simpson recupera in extremis il contropiede di Lingard. L'ultimo squillo della prima frazione è ancora ospite con un altro colpo di testa di Morgan stavolta alto, dopo un dubbio contatto in area tra Mahrez e Rojo.

Il ritmo in avvio di ripresa cresce ulteriormente, con le due squadre che si affrontano a viso aperto. Un imponente Morgan per poco non mette Ulloa solo contro il portiere, mentre Martial ci prova con l'interno destro ma spedisce la sfera in curva. Le Foxes alzano i giri e si insediano stabilmente nella metà campo avversaria: Carrick salva in extremis su Okazaki dopo una discesa di Simpson, Smalling si immola sulla conclusione di Ulloa, poi ancora l'attaccante argentino non riesce a coordinarsi sul perfetto cross di Drinkwater. Lo United è vivo e si fa vedere con due conclusioni di Rooney e Fellaini, ma la chance più grossa è ancora per il Leicester: minuto 71, slalom di Maherz al limite e tiro improvviso sul quale De Gea deve opporsi in tuffo. Esaurita la spinta, il finale è una sofferenza per gli uomini di Ranieri, che restano in dieci all'87' per il secondo cartellino giallo preso da Drinkwater: in serie Smalling di testa scheggia il palo, Morgan è coraggioso e salva su Mata, infine un super Schmeichel salva due volte la sua porta dopo un erroraccio di Huth. Al triplice fischio niente festa, ma il Leicester può comunque sorridere.