Lifestyle

Livorno, follia ultras: squadra in ostaggio, pugno a Pinsoglio

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Livorno, follia ultras: squadra in ostaggio, pugno a Pinsoglio

  • –a cura di Datasport

La retrocessione sul campo e fuori. Quella del Livorno, che pareggiando in casa contro il Lanciano torna in Lega Pro dopo 14 anni, e quella dei suoi tifosi, che tengono in ostaggio la squadra dentro allo stadio fino alle 1 di notte, trasformando poi gli insulti di una comprensibile contestazioine in un'aggressione fuori da ogni logica. Stando alle prime ricostruzioni riportate sul quotidiano locale Il Tirreno, infatti, un gruppetto di supporters amaranto avrebbe aspettato l'arrivo del pullman al centro Coni di Tirrenia: qui, dopo un confronto diretto con alcuni giocatorI, sarebbe avvenuta l'aggressione al portiere Carlo Pinsoglio, colpito al volto da un "tifoso" mentre il giocatore si avvicinava, insieme ai genitori, alla propria auto.

Protagonista in negativo dello sfortunato match salvezza, con una papera clamorosa che ha regalato il 2-2 al Lanciano, Pinsoglio si era già trovato a dover rispondere ai tifosi, questa volta sui social, dopo l'altro infortunio contro il Perugia che era costato al Livorno due punti persi. Su Instagram le reciproche offese con i tifosi e qualche accusa ai compagni prima che l'ex estremo difensore del Modena precisasse con un post la sua estraneità al tutto, giustificandosi con l'essere stato vittima di uno spiacevole scherzo. Niente a che vedere, comunque, con l'episodio di questa notte che ha costretto il portiere del Livorno a ricorerre alle cure mediche (prognosi di tre giorni): una brutta pagina da aggiungere alla pessima stagione dei toscani.