Italia

Polizia: Gabrielli annulla concorso per 559 agenti

  • Abbonati
  • Accedi
inchiesta in corso

Polizia: Gabrielli annulla concorso per 559 agenti

Annullate le prove scritte del concorso per 559 allievi agenti di Polizia di Stato bandito nel gennaio scorso e avvicendamento del personale dell'ufficio concorsi. È quanto ha deciso il capo della Polizia Franco Gabrielli dopo l'apertura di un'inchiesta da parte della magistratura sull'ultimo concorso per l'ingresso in Polizia di Stato (riservato a volontari in ferma prefissata di un anno o quattro anni) le cui prove scritte si sono tenute dal 4 al 6 maggio scorsi. Il provvedimento è contenuto in una circolare a firma del capo della Segreteria del Dipartimento di Pubblica sicurezza del Viminale Enzo Calabria.

«Concreta possibilità» che concorso sia stato inficiato da irregolarità
«A seguito delle indagini da parte dell'autorità giudiziaria che evidenziano la concreta possibilità che la prova scritta del concorso in oggetto sia stata inficiata da circostanze tali da non garantire la regolarità degli esami - si legge nella circolare - il signor capo della Polizia, Direttore generale della pubblica sicurezza, al fine di salvaguardare gli interessi pubblici volti a garantire l'imparzialità delle operazioni di selezione, si è determinato a revocare il decreto di nomina della commissione esaminatrice del concorso e le operazioni della prova scritta e i relativi esiti».

A breve nuova commissione per ripetere le prove scritte
A breve, Gabrielli firmerà inoltre un ulteriore provvedimento con il quale verrà nominata una nuova commissione esaminatrice che «curerà la ripetizione della prova scritta e gli altri successivi adempimenti per la conclusione del concorso». Alla nuova prova scritta, ricorda il capo della segreteria del Dipartimento, potranno partecipare «esclusivamente i candidati presenti alle prove effettuate nei giorni 4, 5 e 6 maggio 2016». Ma non solo. «Con determinazioni in corso» da parte di Gabrielli, si legge ancora nella circolare, «si procederà ad un avvicendamento del personale dell'Ufficio attività concorsuali». Infine «saranno adottate stringenti misure di carattere organizzativo al fine di contrarre al massimo i tempi di svolgimento del concorso in argomento e dei concorsi successivi, per velocizzare l'immissione sul territorio di nuove risorse umane».

© Riproduzione riservata