Lifestyle

Primavera: Inter campione d'Italia, la Fiorentina si arrende

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Primavera: Inter campione d'Italia, la Fiorentina si arrende

  • –a cura di Datasport

L'Inter è campione d'Italia Primavera: battuta 2-1 la Fiorentina nella finalissima del Mapei Stadium di Reggio Emilia. La squadra di Stefano Vecchi si impone grazie alle reti di Vanheusden nel primo tempo e di Pinamonti nella ripresa. Nulla da fare per i viola che accorciano le distanze al 71' con un rigore trasformato da Sottil. I nerazzurri mettono in bacheca l'ottavo Scudetto di categoria a 5 anni di distanza dall'ultimo trionfo.   La Fiorentina di Federico Guidi scende in campo col tridente composto da Sottil, Mlakar e Perez. L'Inter di Vecchi risponde col 4-2-3-1 con Rivas, Awua e Rover alle spalle di Pinamonti. Il primo squillo è della squadra toscana con una sponda di Castrovilli per Diakhate che viene anticipato sul più bello da Di Gregorio. Al 18' l'Inter passa in vantaggio con Vanheusden che, lasciato tutto solo in area, mette dentro di testa il corner calciato da Awua. La Fiorentina accusa il colpo e torna a farsi vedere in avanti al 45' con un rasoterra di Trovato che si spegne di un soffio a lato.    Al 68’ l'Inter raddoppia con una straordinaria torsione di Pinamonti che infila in fondo al sacco il pallone servito da Bakayoko, subentrato a Rover. Al 76' i viola riaprono l'incontro con un rigore trasformato da Sottil e concesso dall'arbitro di Bello per fallo di Awua ai danni dello stesso numero 7 viola. Subito dopo Cerofolini salva la porta viola con uno straordinario intervento sul destro a giro di Pinamonti. La squadra di Guidi si sbilancia alla ricerca del pari e rischia di subire il 3-1 con il neo-entrato Danso che, a tu per tu con Cerofolini, lo supera ma calcia incredibilmente a lato. Pinamonti sfiora poi l'eurogol con un tiro da metà campo che termina di un nulla a lato. All'88' è il turno di Bakayoko che parte a campo aperto ma scarica il destro a pochi centimetri dal palo. Nonostante il forcing finale la Fiorentina non trova il pareggio e così l'Inter può far festa. I nerazzurri conquistano l'ottavo scudetto Primavera, eguagliano il numero di titoli della Roma e si portano a meno uno dal record del Torino. I viola, fermi a quota 3 nell'albo d'oro, non vincono dalla stagione 1982-83.